C'è vita con l'HIV

Guarda! C'è vita con l'HIV

Sostieni con un pix

La scoperta dell'amore e delle malattie sessualmente trasmissibili 29.11.2009 | 22:51

 

"Allenamento" solleva discussioni su Malattie trasmesse sessualmente

 

Un rubacuori con la gonorrea. Fu così che la telenovela di TV Globo “Malhação” decise di attirare l'attenzione

per un problema, purtroppo, ancora abbastanza comune tra gli adolescenti, le malattie sessualmente trasmissibili

malattie trasmissibili (DSTS). La scorsa settimana Bernardo (Fiuk) ha ricevuto la diagnosi del medico. Ha avuto la malattia dopo aver fatto sesso senza preservativo con Marcela (Tatiana Pontes).

 

Professore a contratto presso la Facoltà di Scienze Mediche di Uerj, Evelyn Eisenstein spiega che il DSTsono frequenti nell'adolescenza, poiché i giovani non credono che possano accadere loro cose brutte:

 

"Tutti dubitano di poter contrarre una malattia". È il pensiero magico dell'adolescente. Questa è la prima barriera alla prevenzione. Il secondo ostacolo sarebbe il ritardo nella ricerca di cure mediche, seguito dal self-service nelle farmacie, che maschera il problema, e la paura di rivelare la malattia al partner.

 

- È quello che chiamo effetto ping-pong. Un partner viene curato, ma l'altro no, e la malattia continua a diffondersi - avverte Evelyn.

 

Tra i 40 tipi di DSTs, i più comuni nell'adolescenza sono gonorrea, HPV (condilomi o condilomi genitali), herpes, HIV, epatite B, tra gli altri. Oltre alla prevenzione del preservativo, la cosa più importante è consultare immediatamente un medico.

 

EXTRA ONLINE - RJ

La modifica:

P.

Giorno mese Anno:

30 / NOVEMBRE / 09

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Parla con Claudio Souza