C'è vita con l'HIV

Antiretrovirali contro l'HIV - Il cocktail - Come funzionano?

Foto di Castorly Stock all'indirizzo Pexels.com

Antiretrovirali. Nella lotta contro l'HIV - Il virus dell'immunodeficienza umana ho incontrato operatori sanitari che non conoscevano il termine antiretrovirale! E anche qualche difficoltà con la nomenclatura! Sono stata ricoverata all'Ospedale São Camilo e ho avuto una grande difficoltà nello spiegare, con gli infermieri, la necessità dell'adesione. Deve essere completo.

Gli antiretrovirali richiedono una stretta aderenza

E parlo di adesione draconiana. In queste situazioni di ricovero, quando devo trascorrere più di una giornata in ospedale, mi prendo cura dei miei farmaci antiretrovirali. In che modo gli antiretrovirali indeboliscono l'HIV - Il virus dell'immunodeficienza umana? Questa non è una domanda insolita. E la mia intenzione è di chiarirti meglio su questo argomento. Cerca di avere un'idea più ampia del motivo per cui aderiamo al trattamento. Il successo di questo documento sta nella sua capacità di prendersi cura di se stesso quando necessario!

Panoramica sugli antiretrovirali Come indeboliscono l'HIV - Il virus dell'immunodeficienza umana?

Non c'è dubbio che i farmaci utilizzati per curare l'HIV - Il virus dell'immunodeficienza umana è progredito incredibilmente negli ultimi 20 anni. Quello che alcuni potrebbero non rendersi conto è fino a che punto farmaci antiretrovirali migliorato dal 1996. Quando è apparso il "cocktail"!

Breve storia della terapia antiretrovirale

pexels-photo-416339 Prima del 1996, l'aspettativa di vita media di un uomo di 20 anni appena infettato dall'HIV - Il virus dell'immunodeficienza umana era di 19 anni. Sebbene i farmaci antiretrovirali all'epoca riuscissero a rallentare la malattia, la resistenza ai farmaci è si è sviluppato rapidamente e le persone spesso si sono trovate con poche opzioni di trattamento dopo pochi anni. Tuttavia, non ho incontrato una sola persona che sia andata a CRTA, quindi prenditi del tempo per farloallo stesso tempo, il carico quotidiano di pillole può essere sorprendente. In alcuni casi, una persona dovrebbe affrontare 30 o più pillole al giorno.

È stato molto stancante prendere questo farmaco

E così ho rinunciato!

 

pexels-photo-3683090.jpeg
Foto di Anna Shvets a Pexels.com

E così, in quei giorni, giorni di piombo, dovevo essere preso ininterrottamente ad intervalli quattro ore. Poi, nel 1995, è stata introdotta una nuova classe di farmaci chiamati inibitori della proteasi. Solo un anno dopo, tre diversi studi hanno confermato che l'uso della tripla terapia potrebbe controllare completamente il virus e prevenirlo progressione patologia. Pertanto, in due brevi anni, l'introduzione della terapia di combinazione ha portato a un sorprendente calo del 60% dei decessi e delle malattie correlate all'HIV. E questa rivelazione introdusse quella che sarebbe diventata nota come l'età del HAART (terapia antiretrovirale altamente attiva).

Progressi nella terapia di combinazione

Anche se non priva di sfide, la moderna terapia antiretrovirale è avanzata fino a un punto in cui le tossicità dei farmaci sono solo l'ombra di ciò che erano una volta. La resistenza ai farmaci è generalmente più lenta da sviluppare, mentre il dosaggio richiede solo una pillola al giorno.
Ancora più importante, con un trattamento adeguato, una persona infetta da HIV - Il virus dell'immunodeficienza umana può aspettarsi a aspettativa di vita quasi normale. Secondo il sondaggio, un uomo di 20 anni, infettato oggi potrebbe sopravvivere molto bene all'età di 70 anni o più.

Come funzionano gli antiretrovirali

I farmaci antiretrovirali non funzionano uccidendo attivamente il virus. Invece, prendono di mira e bloccano diverse fasi del virus ciclo di vita. In tal modo, il virus non può replicarsi e creare copie di se stesso. Se il trattamento continua senza interruzioni, la popolazione virale scenderà al punto in cui è considerata non rilevabile.

Soropositivo-300x401-300x350
Seropositivo.Org Top Blog 2013/2014

Quindi, poiché l'HIV non può essere ucciso, esso può riemergere se il trattamento viene interrotto. Lo stesso può accadere se i farmaci non sono costantemente come prescritto. Pertanto, nel tempo, un dosaggio incoerente può portare allo sviluppo di resistenza ai farmaci e fallimento terapeutico!

 

Classi di farmaci antiretrovirali ...

La terapia combinata agisce contro l'HIV bloccando diverse fasi del ciclo di vita dell'HIV - il virus dell'immunodeficienza umana contemporaneamente. Attualmente esistono cinque classi di farmaci antiretrovirali, ciascuna classificata in base alla fase del ciclo di vita che inibiscono:

  • Inibitori di ingresso
  • Inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa Inibitori della trascrittasi inversa
  • inibitori nucleosidici 
  • Inibitori dell'integrasi
  • proteasi

A partire dal 2017, c'erano 43 diversi farmaci antiretrovirali approvati dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti, inclusi 14 farmaci combinati a dose fissa (FDC) che contengono due o più farmaci.4
Sono in fase di sviluppo nuovi farmaci più avanzati che ridurrebbero i farmaci tripli fino a due farmaci. Altre formulazioni potrebbero presto consentire iniezioni mensili o trimestrali invece di pillole giornaliere.  

Perché la terapia combinata funziona

Se usati in combinazione, i farmaci antiretrovirali lavorano come un team di biochimici in grado di sopprimere efficacemente la molteplicità di mutazioni virali che possono esistere in una popolazione di HIV - il virus dell'immunodeficienza umana.   Se il farmaco X non è in grado di sopprimere una certa mutazione, i farmaci Y e Z di solito possono fare il lavoro. O test di resistenza genetica fornisce ai medici gli strumenti necessari per identificare le mutazioni resistenti prima dell'inizio del trattamento. In tal modo, il medico può personalizzare il trattamento scegliendo i farmaci più in grado di sopprimere queste mutazioni. Mantenendo la popolazione virale completamente repressa, non solo i farmaci funzionano più a lungo, ma ci sono generalmente meno effetti collaterali.
Gli antiretrovirali possono essere utilizzati anche per ridurre il rischio di trasmissione dell'HIV - Il virus dell'immunodeficienza umana di da madre a figlio, evitare infezioni dopo a esposizione accidentale ou aiutare una persona sieropositiva - Il virus dell'immunodeficienza umana negativo a evitare l'infezione.
Non c'è dubbio che i farmaci usati per curare l'HIV - Il virus dell'immunodeficienza umana siano progrediti incredibilmente negli ultimi 20 anni. Quello che alcuni potrebbero non rendersi conto è fino a che punto farmaci antiretrovirali sono migliorate dal 1996, quando la prima tripla terapia ha cambiato il corso della pandemia.

Breve storia della terapia antiretrovirale

Prima del 1996, l'aspettativa di vita media di un uomo di 20 anni appena infettato dall'HIV - Il virus dell'immunodeficienza umana era di 19 anni. Sebbene i farmaci antiretrovirali all'epoca riuscissero a rallentare la malattia, la resistenza ai farmaci è si è sviluppato rapidamente e le persone spesso si sono trovate con poche opzioni di trattamento dopo pochi anni.
Allo stesso tempo, il carico quotidiano di pillole può essere sorprendente. In alcuni casi, una persona dovrebbe affrontare 30 o più pillole al giorno. In alcuni casi sono state scattate continuamente a intervalli di XNUMX-XNUMX ore.   Quindi posso dire:

Antirretrovirais Contra HIV – O coquetel – Como atuam?, Blog Soropositivo.Org Sono sopravvissuto all'AZT

Poi, nel 1995, è stata introdotta una nuova classe di farmaci chiamati inibitori della proteasi. Solo un anno dopo, tre diversi studi hanno confermato che l'uso di una tripla terapia potrebbe controllare completamente il virus e prevenire un'ulteriore progressione della malattia.
In due brevi anni, l'introduzione della terapia combinata ha portato a un sorprendente calo del 60% dei decessi e delle malattie legate all'HIV, il virus dell'immunodeficienza umana.2Questa rivelazione introdusse quella che sarebbe diventata nota come l'età di HAART (terapia antiretrovirale altamente attiva).

Progressi nella terapia di combinazione

Anche se non priva di sfide, la moderna terapia antiretrovirale è avanzata fino a un punto in cui le tossicità dei farmaci sono solo l'ombra di ciò che erano una volta. La resistenza ai farmaci è generalmente più lenta da sviluppare, mentre il dosaggio richiede solo una pillola al giorno.

Ancora più importante, con un trattamento adeguato, una persona infetta da HIV - Il virus dell'immunodeficienza umana può aspettarsi a aspettativa di vita quasi normale.

Secondo il sondaggio, un uomo di 20 anni, se infettato oggi (2020), potrebbe sopravvivere benissimo fino a quando, da poco, 70 anni o più.

Come funzionano gli antiretrovirali

Farmaci antiretrovirali non funzionano uccidendo attivamente il virus. Invece, prendono di mira e bloccano diverse fasi del virus ciclo di vita. In tal modo, il virus non può replicarsi e creare copie di se stesso. Se il trattamento continua ininterrottamente, la popolazione virale scenderà al punto in cui è considerata non rilevabile.
Poiché il virus non viene ucciso, può riemergere se il trattamento viene interrotto improvvisamente. Lo stesso può accadere se i farmaci non sono costantemente come prescritto. Nel tempo, un dosaggio incoerente può portare allo sviluppo di resistenza ai farmaci e, infine, fallimento del trattamento.3

Classi di farmaci antiretrovirali

L'azione della terapia di combinazione agisce bloccando varie fasi di Ciclo di vita dell'HIV - Il virus dell'immunodeficienza umana subito. Attualmente esistono cinque classi di farmaci antiretrovirali, ciascuna classificata in base alla fase del ciclo di vita che inibiscono:

  • Inibitori di ingresso
  • Inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa Inibitori della trascrittasi inversa
  • non inibitori nucleosidici
  • Inibitori di
  • proteasi

Entro il 2017, c'erano 43 diversi farmaci antiretrovirali approvati da USA Food and Drug Administration, icompresi 14 farmaci combinati a dose fissa (FDC) che contengono due o più farmaci antiretrovirali.
Si stanno sviluppando nuovi farmaci più avanzati che ridurrebbero i farmaci tripli fino a due farmaci. Altre formulazioni potrebbero presto consentire iniezioni mensili o trimestrali invece di pillole giornaliere. 

[DCRP_shortcode style = "0 ″ image =" 1 ″ excerpt = "0 ″ date =" 0 ″ postsperpage = "5 ″ colonne =" 4 "]


Ricevi aggiornamenti direttamente sul tuo dispositivo gratuitamente

Avete qualcosa da dire? Dillo!!! Questo blog, e il mondo, è molto meglio con gli amici!

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. ACCETTO Vedi tutto

Privacy & Policy Cookie