C'è vita con l'HIV

COVID-19 e Recombinantes Two varianti si sono fuse in Greatly Changed Mutations

Le varianti di coronavirus del Regno Unito e della California sembrano essersi combinate in un ibrido altamente mutante, il che ha sollevato preoccupazioni sul fatto che potremmo entrare in una nuova fase della pandemia covid-19.

Due varianti del coronavirus SARS-CoV-2 che causa Covid-19 hanno combinato i loro genomi per formare a versione ibrida fortemente mutata del virus. L'evento di "ricombinazione" è stato scoperto in un campione di virus in California, suggerendo che potremmo essere pronti per entrare in una nuova fase della pandemia.

Ricombinante da un ceppo altamente trasmissibile resistente ad alcuni anticorpi

COVID-19 e Recombinantes Duas variantes fundiram-se em Mutação Grandemente Alteradas, Blog Soropositivo.Org Il virus ibrido è il risultato della ricombinazione di ciò che è altamente trasmissibile variante B.1.1.7 scoperto nel Regno Unito e variante B.1.429 che ha avuto origine in California e che potrebbe essere responsabile di a recente ondata di casi a Los Angeles perché porta una mutazione che lo rende resistente ad alcuni anticorpi.

Il ricombinante è stato scoperto da Bette Korber in Laboratorio nazionale di Los Alamos, nel New Mexico, che ha detto in una riunione organizzata da Accademia delle scienze di New York il 2 febbraio aveva visto prove "abbastanza chiare" di lui nel suo database di genomi virali negli Stati Uniti.

Il primo ricombinante

Se confermato, il ricombinante sarebbe il primo ad essere rilevato in questa pandemia. A dicembre e gennaio, due gruppi di ricerca hanno riferito in modo indipendente di non averlo fatto non aveva visto alcuna prova di ricombinazione, sebbene fosse atteso da tempo, poiché è comune nel coronavirus.

Parla con Cláudio Souza

Parla con Cláudio Souza

A differenza della mutazione regolare, in cui i cambiamenti si accumulano uno alla volta, che è il modo in cui si sono verificate varianti come B.1.1.7, la ricombinazione può riunire più mutazioni contemporaneamente. Il più delle volte, questo non offre alcun vantaggio al virus, ma a volte lo fa.

La ricombinazione può essere di grande importanza evolutiva, secondo François Balloux, dell'University College di Londra. È considerato da molti l'origine di SARS-CoV-2.

La ricombinazione può portare all'emergere di nuovi e anche di più varianti pericolose, anche se non è ancora chiaro quanta minaccia possa rappresentare questo primo evento di ricombinazione.

Korber ha visto solo un singolo genoma ricombinante tra migliaia di sequenze e non è chiaro se il virus venga trasmesso da persona a persona o solo isolato.

La ricombinazione di solito si verifica nel coronavirus perché l'enzima che replica il tuo genoma è incline a scivolare via dal filamento di RNA che stai copiando e quindi a riunirsi da dove l'avevi interrotto. Se una cellula ospite contiene due diversi genomi di coronavirus, l'enzima può saltare da uno all'altro ripetutamente, combinando diversi elementi di ciascun genoma per creare un virus ibrido.

Lawton

O La recente comparsa di più varianti del nuovo coronavirus potrebbe aver creato la materia prima per la ricombinazione perché le persone possono essere infettate con due diverse varianti contemporaneamente.

"Potremmo arrivare al punto in cui ciò sta accadendo a ritmi apprezzabili", afferma Stagno Sergei, della Temple University, Pennsylvania, che tiene d'occhio i ricombinanti confrontando migliaia di sequenze genomiche caricate nei database. Dice che non ci sono ancora prove di una ricombinazione diffusa, ma che "tutti i coronavirus si ricombinano, quindi è una questione di quando, non se".

Le implicazioni della scoperta non sono ancora chiare perché si sa molto poco sulla biologia del ricombinante. Tuttavia, porta una mutazione di B.1.1.7, chiamata Δ69 / 70, che rende il virus del Regno Unito più trasmissibile, e un'altra di B.1.429, chiamata L452R, che può conferire resistenza agli anticorpi.

"Questo tipo di evento potrebbe consentire al virus di accoppiare un virus più infettivo a un virus più resistente", ha detto Korber alla riunione di New York.

Lucy van Dorp, dell'University College di Londra, dice di non aver ancora sentito parlare del ricombinante, ma "non sarei troppo sorpresa se alcuni casi iniziassero a essere rilevati".

Parla con Cláudio Souza

Parla con Cláudio Souza

Vuoi avere accesso a tutto il materiale di News Science? Iscriviti alla loro versione APP / Destop

Tradotto da Cláudio Souza il 19 marzo (meglio tardi che mai) dall'originale in esclusiva: Due varianti si sono fuse nel coronavirus fortemente mutato pubblicato il / 6 febbraio 2021 da Graham


Ricevi aggiornamenti direttamente sul tuo dispositivo gratuitamente

Avete qualcosa da dire? Dillo!!! Questo blog, e il mondo, è molto meglio con gli amici!

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. ACCETTO Vedi tutto

Privacy & Policy Cookie