C'è vita con l'HIV

HIV come viene catturato: i rischi e i non rischi

La paura persiste data la totale mancanza di attenzione di molti e lo scarso interesse ad informare concretamente. Molti sono quelli che traggono profitto dai clic su articoli inaffidabili...

Modi in cui il virus può essere trasmesso o non trasmesso

 

 

Aggiornato il 9 marzo 2021

O HIV è un virus che può essere trasmesso da una persona con HIV a un'altra senza, attraverso fluidi corporei come sperma, sangue, secrezioni vaginali e latte materno. L'HIV è più comunemente trasmesso durante il sesso non protetto, in particolare il sesso anale e vaginale, ma è anche trasmesso efficacemente attraverso aghi condivisi. L'HIV può essere trasmesso anche da da madre a figlio attraverso la placenta durante la gravidanza o il parto, a causa dell'esposizione a sangue o fluido vaginale, o mentre l'allattamento al seno.

Alcune modalità di trasmissione sono più efficienti di altre. Affinché l'HIV possa essere trasmesso, il virus deve entrare in contatto con le membrane mucose (come quelle che si trovano nel retto e nella vagina), attraversare rotture e lacerazioni tissutali (come possono verificarsi durante i rapporti sessuali), oppure entrare direttamente nel aghi condivisi, Per esempio.

Inoltre, ci deve essere un sacco di virus per invadere il corpo, sconfiggendo le difese immunitarie in prima linea.

Questo è il motivo per cui l'HIV non può essere trasmesso attraverso la saliva, il cui ambiente è ostile al virus, o quando il virus è completamente soppresso (non rilevabile) in una persona sieropositiva in terapia antiretrovirale.

I RISCHI RIMANGONO! Preservativi, preservativi, saranno sempre l'opzione più sicura.

E se pensi che sia un'esagerazione del mio modo di parlare sensato, dai un'occhiata a questo video per meno di un minuto.

Revisione: cos'è l'HIV?

Il virus dell'immunodeficienza umana (HIV) è un virus che colpisce preferenzialmente i globuli bianchi, chiamati cellule T CD4.

Uccidendo sempre più di queste cellule, durante il loro ciclo vitale, mina le difese immunitarie del corpo e alla fine viene compromessa. Se un'infezione da HIV non trattata progredisce, ci saranno danni continui alle cellule di difesa immunitaria. Quando ciò accade, il corpo diventa sempre meno in grado di combattere le infezioni. Quando ciò accade dichiariamo la persona in Sindrome da immunodeficienza acquisita o AIDS.

Ci sono quattro condizioni che devono essere soddisfatte affinché si verifichi un'infezione da HIV:

  1. Ci devono essere fluidi corporei in cui il virus può svilupparsi.. L'HIV non si sviluppa all'aperto o in parti del corpo ad alto contenuto di acido, come lo stomaco o la vescica.
  2. Ci deve essere una via di trasmissione attraverso la quale il virus entra nel corpo.. Le principali vie di trasmissione includono i rapporti sessuali, la condivisione di siringhe e le infezioni da madre a figlio.
  3. Devono essere presenti cellule immunitarie vicino al sito di ingresso. Ciò consente al virus di diffondersi una volta entrato nel corpo.
  4. Ci deve essere una quantità sufficiente del virus nei fluidi corporei.. Questi valori, misurati da carica virale, può essere ricco di fluidi corporei come sangue e sperma e basso o inesistente in lacrime e saliva.2

Sexo Anal

sesso anale è il mezzo predominante di trasmissione dell'HIV, che si verifica a una velocità 18 volte maggiore del sesso vaginale.

Nota del traduttore. Ho tradotto un testo da questo stesso sito che dichiara che il sesso vaginale è il più grande mezzo di contagio. Questo mi confonde, ma...

Ci sono diverse ragioni per questo, in particolare perché i tessuti rettali sono più fragili e vulnerabili alla rottura rispetto ai tessuti vaginali.

Piccole microfratture che si verificano comunemente durante il rapporto anale consentono semplicemente a grandi quantità di virus di entrare nel corpo. Inoltre espongono il sangue potenzialmente infetto dal partner ricettivo al partner insertivo, trasmettendo così al partner insertivo. Inoltre, molte persone che fanno spesso sesso anale fai una doccia prima del rapporto, rimuovendo lo strato di muco che potrebbe impedire la trasmissione dell'HIV.

Queste vulnerabilità aiutano a spiegare perché i tassi di infezione negli Stati Uniti sono più alti tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM).

Ma il rischio non è limitato solo agli uomini Ragazzi gay e bisessuali; ovunque dal 16% al 33% delle coppie eterosessuali fa anche sesso anale, spesso no preservativi.

Gli studi suggeriscono che il rischio di HIV in un partner anale ricettivo è quasi il doppio di quello di un partner insertivo (rispettivamente 40,4% contro 21,7%).3

Il rischio è ancora maggiore se il partner di inserimento è incirconciso a causa di microbi sotto il prepuzio, aumentando la diffusione (espulsione) del virus nei liquidi seminali.

Come l'escrezione genitale aumenta il rischio di HIV

Sesso vaginale

sesso vaginale è la seconda modalità più comune di trasmissione dell'HIV negli Stati Uniti.

In molte parti del mondo in via di sviluppo, il sesso vaginale è la principale modalità di trasmissione, con le donne colpite in modo sproporzionato rispetto agli uomini.6

le donne sono più vulnerabili per diversi motivi:

  • L'area di esposizione nella vagina è più grande di quella del pene.
  • La vagina e la cervice sono vulnerabili alle infezioni comuni come vaginosi batterica e candidosi (infezione fungina), che compromettono i tessuti già delicati.
  • Durante il sesso non protetto, l'eiaculazione può spesso rimanere nella vagina per un lungo periodo di tempo.
  • La doccia vaginale prima del sesso può rimuovere il muco protettivo.

Secondo una recensione di Rapporti sull'HIV/AIDS 2018, le donne hanno il doppio delle probabilità di contrarre l'HIV da un partner maschile durante il rapporto vaginale rispetto all'altro modo.

Questo non vuol dire che il partner maschile non sia a rischio, specialmente gli uomini non circoncisi. L'ambiente ricco di batteri sotto il prepuzio aiuta a facilitare l'infezione aumentando il numero di globuli bianchi chiamati cellule. di Langerhans, che risiedono nella pelle stessa. Queste cellule possono inavvertitamente "catturare" l'HIV e trascinarlo nel corpo

Le malattie sessualmente trasmissibili (MST) come la clamidia, la gonorrea e la sifilide possono aumentare il rischio negli uomini e nelle donne, aumentando la diffusione virale nelle persone con HIV o compromettendo i tessuti genitali in quelle senza HIV.

Come le malattie sessualmente trasmissibili aumentano il rischio di HIV of

Sesso orale

sesso orale è un modo inefficiente di trasmettere l'HIV, sia il sesso orale-pene ("pompino"), il sesso orale-vaginale (cunnilingus) o il sesso orale-anale ("rimming").

L'attuale consenso scientifico è che la trasmissione dell'HIV tra coloro che praticano esclusivamente sesso orale è improbabile.

Il rischio potrebbe non essere zero, ma la maggior parte concorda sul fatto che si avvicina.

Uno studio del 2014 sulla rivista AIDS suggerisce che il rischio di infezione da sesso orale tra un partner ricevente HIV-negativo per i partner di inserzione HIV-positivi oscilla tra lo 0% e lo 0,4% allo 0,10%.

Questo non significa che le persone possano fare sesso orale senza rischi. Tagli, abrasioni e piaghe sui genitali o sulla bocca possono potenzialmente aumentare il rischio di infezione, così come le malattie sessualmente trasmissibili o mestruazione (aEntrambi promuovono l'eliminazione dell'HIV).

Altre malattie sessualmente trasmissibili oltre all'HIV possono essere trasmesse anche attraverso il sesso orale, tra cui clamidia, gonorrea, erpete, virus del papilloma umano (HPV) e sifilide. Ottenere una MST in modo indipendente aumenta il rischio di HIV.11

Uso di droghe per via parenterale

La condivisione degli aghi è un modo estremamente efficace di trasmettere l'HIV, poiché inocula il virus direttamente dal sangue di una persona infetta a un'altra.

Il consumo di droga per via parenterale è ora la terza modalità di trasmissione più comune negli Stati Uniti ed è la principale modalità di trasmissione in Russia e in Asia centrale, dove il flusso di droghe rimane illegale.12

Negli Stati Uniti, la crescente crisi degli oppioidi ha stimolato un aumento delle infezioni da HIV. Uno dei focolai di HIV più pubblicizzati si è verificato nel 2015, quando sono state segnalate 79 infezioni nella città di Austin, Indiana (popolazione 4.295), tutte attribuite all'uso condiviso di aghi tra i gruppi di consumatori di droghe ricreative.  ossimorfone. 13

anche tra utenti di steroidi anabolizzanti, c'è un aumento del numero di persone che condividono gli aghi, con quasi uno su 10 che contrae l'HIV secondo uno studio del 2013 in British Journal of Medicine. 14

Trasfusioni di sangue e trapianti

nostro primi giorni dell'epidemia di HIV negli anni '1980 fino all'inizio degli anni '1990, c'erano molte persone infettate dall'HIV a causa di trasfusioni di sangue contaminate. Prima del 1992, non erano disponibili strumenti di screening per garantire che l'afflusso di sangue negli Stati Uniti, compresi i fattori di coagulazione e il plasma, fosse libero dal virus.

Questo rischio è diminuito drasticamente negli ultimi decenni a causa dei progressi nelle tecnologie di rilevamento e dello screening universale delle donazioni di sangue e tessuti negli Stati Uniti e in altri paesi. Ciò non include solo lo screening dell'HIV, ma anche altre infezioni trasmesse per via ematica come such Epatite B e epatiteC.

Oggi, il rischio di HIV da una trasfusione di sangue negli Stati Uniti è di uno su 1,5 milioni. Dal 2002 al 2008, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno segnalato un solo caso documentato di trasmissione dell'HIV da una trasfusione.15

Il rischio può variare notevolmente al di fuori degli Stati Uniti. In Egitto, ad esempio, un'infezione da HIV su quattro è il risultato di una trasfusione.16 Al contrario, in Sud Africa, il paese con la più alta incidenza di HIV nel mondo, il rischio di trasmissione è più vicino a una ogni 76.000 trasfusioni. 17

gravidanza

Come per le trasfusioni di sangue, il rischio di infezione da HIV da madre a figlio era alto nei primi anni della pandemia globale. Oggi il rischio è diminuito drasticamente, anche nelle zone più colpite dell'Africa, a causa dello screening HIV di routine delle donne in gravidanza e dell'uso di farmaci antiretrovirali per prevenire la trasmissione da madre a figlio.

Quando si verifica la trasmissione dell'HIV, di solito si verifica durante il parto con la rottura delle membrane, che espone il bambino a sangue e fluidi vaginali contaminati dall'HIV. Prima di ciò, L'HIV di solito non attraversa la placenta da madre a figlio, a meno che non vi sia distacco di placenta, rottura prematura delle membrane o un problema simile.

Anche così, l'uso di farmaci antiretrovirali nelle donne in gravidanza può ridurre il rischio di trasmissione verticale fino al 95% sopprimendo il virus a livelli non rilevabili0,18

L'HIV può anche essere trasmesso attraverso il latte materno e negli Stati Uniti, alle persone con HIV viene regolarmente consigliato di evitare l'allattamento al seno indipendentemente dal fatto che siano in terapia anti-HIV o abbiano una carica virale non rilevabile. (Le stesse raccomandazioni non sono state estese al mondo in via di sviluppo, dove si ritiene che i benefici della nutrizione infantile superino i rischi.) 19

Se l'HIV non viene trattato, il rischio di trasmissione da madre a figlio durante il travaglio e il parto è compreso tra il 15% e il 30% e tra il 15% e il 20% durante l'allattamento.20

Ogni anno, negli Stati Uniti si registrano solo circa 150 casi di trasmissione verticale, il più delle volte causati quando una persona si presenta in ospedale in tarda gravidanza o non aderendo alla terapia dell'HIV.21

Altre possibili cause

Esistono altre cause meno comuni di trasmissione dell'HIV e molte per le quali il rischio di HIV è improbabile ma possibile. Ciò include l'esposizione professionale, le procedure dentistiche, i piercing e i tatuaggi e i giocattoli sessuali condivisi.

esposizione occupazionale

La trasmissione dell'HIV da ferite da ago o altre esposizioni professionali può mettere a rischio gli operatori sanitari. Detto questo, il rischio di infezione da puntura d'ago è inferiore. a uno su 1.000, mentre il contatto con fluidi corporei infetti da HIV sulla pelle intatta è ancora minore.

Finora sono stati confermati solo 58 casi di trasmissione professionale dell'HIV. Si pensa che altri siano stati evitati con un ciclo di 28 giorni di antiretrovirali chiamato profilassi post-esposizione dell'HIV (PEP).22

01- I sintomi dell'HIV significano che ho l'HIV?

procedure dentistiche

Nei primi giorni della crisi dell'AIDS, i titoli sono stati fatti quando una donna della Pennsylvania di nome Kimberly Bergalis ha affermato di aver contratto l'HIV attraverso una procedura dentale. Le accuse sono state considerate dubbie poiché Bergalis non ha riportato precedenti infezioni a trasmissione sessuale.

Da allora, ci sono state numerose lamentele, ma nessun caso documentato di trasmissione dell'HIV tra i pazienti odontoiatrici. Degli otto casi segnalati tra i dentisti, nessuno è stato confermato come trasferito durante una procedura odontoiatrica.23

Piercing e tatuaggi Body

Sebbene teoricamente fattibile, il rischio di contrarre l'HIV derivante da piercing e tatuaggi è basso a causa delle licenze e della rigorosa regolamentazione dei professionisti del settore. Da parte sua, il CDC insiste sul fatto che il rischio di trasmissione dell'HIV è da basso a trascurabile

Tra i professionisti senza licenza che non aderiscono alle pratiche di sterilizzazione e igiene del settore, il rischio è potenzialmente maggiore, anche se non è chiaro di quanto.

giocattoli sessuali condivisi 

I giocattoli sessuali sono generalmente considerati una forma di sesso sicuro. Detto questo, i giocattoli a inserimento condivisi come dildo sono considerati potenzialmente pericolosi a causa dell'esposizione al sangue e ad altri fluidi corporei.

Finora, il rischio di HIV nei giocattoli condivisi rimane poco chiaro, poiché i giocattoli sono raramente l'unica forma di sesso in cui una coppia può impegnarsi. Lo stesso vale per fisting e altre pratiche sessuali che rompono o traumatizzano i tessuti rettali o vaginali. Queste attività potrebbero teoricamente aumentare il rischio di infezione, ma gli studi devono ancora confermarlo.24M

PrEP e coppie sierodiscordanti

Modi in cui l'HIV non può essere trasmesso

Non puoi contrarre l'HIV abbracciando, baciando, stringendo la mano, condividendo utensili, bevendo da fontane, punture di zanzara, sedili del water o contatti sessuali senza contatto tra i fluidi corporei.

Per quanto riguarda la manicure, la pedicure, o anche il podologisno, il rischio è addirittura inferiore a quello di incidenti con oggetti taglienti da piercing usati dai professionisti della salute, scendendo, ovviamente, al livello dell'improbabile e persino dell'impossibile. Come ho detto a un lettore, il rischio è così basso che il contagio che potrebbe verificarsi in questo modo sarebbe più nei disegni di Dio che nei regni della scienza, e quando Dio richiede qualcosa, può solo accettarlo.

O ingoiarlo a secco, senza accettare, davvero forte. In questo caso, per favore capisci.

C'è la vita con l'HIV e positivi, non è un segno di diverso?

 

Fattori che aumentano il rischio di trasmissione

Esistono numerosi fattori che possono aumentare significativamente il rischio di trasmissione dell'HIV, indipendentemente dalla via di esposizione:

  • il sesso non protetto: in poche parole, l'uso del preservativo riduce il rischio di trasmissione dell'HIV del 95% (Conservo il testo, tuttavia, questo numero può essere 100%, poiché per decenni è stato ciò che avrebbe potuto prevenire una calamità ancora maggiore).26 Il mancato utilizzo del preservativo elimina questo beneficio protettivo.
  • alta carica virale: Ogni aumento di dieci volte della carica virale – diciamo da 1.000 a 10.000 a 100.000 – aumenta il rischio di HIV da due a tre volte.27 L'assunzione di una terapia antiretrovirale riduce tale rischio.
  • Partner multipli: Avere più partner sessuali aumenta le possibilità di esposizione all'HIV. Anche se ritieni che un partner sia "sicuro", sieroordinamento (intraducibile) (scegliere un partner in base al loro presunto stato di HIV) è associato a un triplo rischio di contrarre una MST.28
  • Abuso di sostanze: oltre al rischio di HIV dovuto alla condivisione di siringhe, droghe illecite come metanfetamine e l'eroina può compromettere il giudizio e aumentare l'assunzione di rischi. Anche le droghe e l'alcol non iniettabili possono portare alla disinibizione sessuale e all'assunzione di rischi
  • Malattie trasmesse sessualmente: le malattie sessualmente trasmissibili aumentano il rischio di contrarre e trasmettere l'HIV. Con malattie sessualmente trasmissibili ulcerative come la sifilide, il rischio di HIV può aumentare fino a 140 volte nelle popolazioni MSM ad alto rischio. 30 
  • Infezioni genitali: infezioni genitali non acquisiti sessualmente comportano rischi simili di trasmissione. Anche quelli non complicati come l'uretrite sono associati a un aumento di otto volte del rischio di HIV
  • doccia: Alcuni studi hanno dimostrato che la doccia rettale nelle popolazioni MSM ad alto rischio raddoppia il rischio di HIV dal 18% al 44% .32 Il rischio La presenza di HIV da una doccia vaginale è meno chiara, ma è noto che aumenta la rischio di vaginite batterica.33
  • Essere una prostituta: quanto più persone se fai sesso, maggiore è la possibilità di trasmissione sessuale.
  • residenza: vivere in una densa popolazione urbana dove i tassi di prevalenza dell'HIV sono alti e ti mettono a maggior rischio rispetto alle aree rurali. Ciò è particolarmente vero nei quartieri etnici più poveri dove non è possibile accedere a cure e servizi di prevenzione.34

Qualche informazione in più:

Rischio di contrarre l'HIV! Quali sono i tuoi rischi in questi scenari?

punto su cui riflettere

Comprendere i rischi dell'HIV può aiutarti a costruire strategie individuali per aiutare a prevenire o prevenire la diffusione dell'HIV. Ciò può comportare l'uso costante del preservativo e una riduzione del numero di partner sessuali o l'uso di programmi di scambio di siringhe e altre strategie di riduzione del danno se si iniettano droghe.

Se hai l'HIV, il modo di gran lunga migliore per prevenire la trasmissione è l'uso del preservativo associato al mantenimento di una carica virale non rilevabile con la terapia antiretrovirale. Gli studi hanno dimostrato che così facendo si riduce a zero il rischio di trasmissione dell'HIV

Se non hai l'HIV, puoi proteggerti assumendo la profilassi HIV pre-esposizione (PrEP.), una volta al giorno, una compressa antiretrovirale che può ridurre il rischio di infezione fino al 90% se assunta come prescritto.35

Un altro riferimento su mangia se prendi e non prendi l'HIV

Tradotto da Cláudio Souza dall'originale in Come si trasmette l'HIV? scritto da James Myhre e Dennis Sifris, MD clinicamente revisionato e recensito da Anju Goel, MD, MPH

Impara sicuramente a disegnare i tuoi personaggi o i tuoi personaggi preferiti, anche se non hai mai disegnato prima. 42 lezioni che ti mostreranno che disegnare NON è un "regalo" ma un'abilità che possiamo aiutarti a sviluppare.


Ricevi aggiornamenti direttamente sul tuo dispositivo gratuitamente

Avete qualcosa da dire? Dillo!!! Questo blog, e il mondo, è molto meglio con gli amici!

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. ACCETTO Vedi tutto

Privacy & Policy Cookie