C'è vita con l'HIV

La finestra immunitaria contro l'HIV a 60 giorni è affidabile?

Test HIV rapido di quarta generazione, affidabile da 30 a 60 giorni? Questa finestra immunitaria è sufficiente?

Immagine di credito a IgorVetushko - Portafoglio Igor Vetushko

Finestra immunitaria - Fatti: cos'è l'HIV?

La finestra immunitaria da 30 a 60 giorni è affidabile? Il test di 4a generazione è affidabile, posso stare tranquillo? Qual è il periodo della finestra immunitaria per il test dell'HIV? Rispondo a questa domanda da molti anni e ora ho nuovi dati che devo pubblicare. Leggi, ragiona e capisci. Se hai bisogno, parla con me.

Siamo qui per aiutare!

Cos'è l'HIV?

HIV significa virus dell'immunodeficienza umana. L'HIV è il virus che può portare alla sindrome da immunodeficienza acquisita da AIDS / AIDS che, se non trattata correttamente ...

A differenza di altri virus, il corpo umano non può eliminare completamente l'HIV, anche con il trattamento. Quindi, dal momento che contrai l'HIV, lo porterai per tutta la vita.

L'HIV attacca il sistema immunitario del corpo, in particolare le cellule CD4 (cellule T), che aiutano il sistema immunitario a combattere le infezioni.


Quali sono i sintomi dell'HIV?

Ci sono diversi sintomi dell'HIV. Non tutti avranno gli stessi sintomi. Dipende dalla persona e dallo stadio della malattia in cui si trovano.
Come ho avuto l'HIV Ho superato la fase 1: infezione acuta da HIV

Entro 2-4 settimane dall'infezione da HIV, circa due terzi delle persone avranno una malattia simile all'influenza. Questa è la risposta naturale del corpo all'infezione da HIV.

I sintomi simil-influenzali possono includere:
Questi sintomi possono durare da pochi giorni a diverse settimane. Ma alcune persone non hanno alcun sintomo durante questa fase iniziale dell'HIV.
Non dare per scontato! L'HIV, o l'AIDS, non è, non è e non è mai stata una punizione. Alcune persone religiose dicono queste cose. Ma non il Cristo!
Non dare per scontato di avere l'HIV solo perché hai uno di questi sintomi. Sono simili a quelli di quasi tutti i virus. Tuttavia, se ritieni di essere stato esposto all'HIV, fai il test.
Non arrabbiarti! Freak out non ti porta da nessuna parte

Ecco cosa fare:

Trova un sito di test HIV vicino a te: puoi ottenere un test HIV presso l'ufficio del tuo fornitore di cure primarie, il dipartimento sanitario locale, una clinica sanitaria o molti altri luoghi. Usa HIV Service Finder per trovare un sito di test HIV vicino a te.
Ordina un test HIV per l'infezione recente: la maggior parte dei test HIV rileva gli anticorpi (proteine ​​prodotte dal tuo corpo in risposta all'HIV), non l'HIV stesso. Ma possono essere necessarie alcune settimane dopo l'infezione prima che il tuo corpo li produca. Altre categorie di test possono rilevare prima l'infezione da HIV. Informi il medico o la clinica se pensa di essere stato recentemente esposto all'HIV. E chiedi prima dell'uso se i loro test possono rilevare l'infezione in anticipo.
Conosci il tuo stato: dopo aver sostenuto il test, assicurati di conoscere i risultati del test. Se sei sieropositivo, consulta un medico il prima possibile in modo da poter iniziare il trattamento con i farmaci per l'HIV. E sii consapevole: quando sei nelle prime fasi dell'infezione, sei a un rischio molto alto di trasmettere l'HIV ad altri. È importante adottare misure per ridurre il rischio di trasmissione. Esistono strumenti di prevenzione come il preservativo (preservativo), la profilassi pre-esposizione (PrEP.) che può aiutarti a rimanere negativo o la PEP, che è un'emergenza medica!
Fase 2: latenza clinica

In questa fase di latenza clinica, il virus si moltiplica ancora, ma a livelli molto bassi. Le persone in questa fase potrebbero non sentirsi male o avere alcun sintomo. Questa fase è anche chiamata infezione cronica da HIV.

Senza il trattamento per l'HIV, le persone possono rimanere in questa fase per 10 o 15 anni, ma alcuni attraversano questa fase più rapidamente.

Se prendi la medicina per l'HIV ogni giorno, esattamente come prescritto, raggiungi e mantieni una carica virale non rilevabile, proteggi la tua salute e riduci il rischio di trasmettere l'HIV al tuo partner sessuale.

Ma se la tua carica virale è rilevabile, è più facile trasmettere l'HIV, anche quando non ci sono sintomi. È importante consultare regolarmente il medico per controllare la carica virale. La vacanza terapeutica è quasi un suicidio.

Ecco una cosa chiara, i sintomi dell'HIV non sono quelli di questa fase 3: l'AIDS


I sintomi dell'HIV significano che ho l'HIV?

I sintomi dell'HIV sono molto, estremamente generici. Non passare dall'impressione di avere questi sintomi all'affermazione definitiva: ho l'HIV

L'infezione da HIV è una possibilità se hai avuto rapporti sessuali non protetti, se usi droghe per via parenterale che condividono paramenti, ma questo deve essere dimostrato con un test.

È una possibilità spaventosa, lo so, questa di essere diventato una persona che convive con l'HIV. Ecco perché è importante conoscere la risposta a questa domanda:

Ho l'HIV?

A
L'unico modo per sapere con certezza se hai l'HIV è fare il test. Non puoi fare affidamento sui sintomi apparenti dell'HIV per sapere se sei un portatore del virus.

Conoscere il tuo stato di HIV fornisce informazioni importanti in modo che tu possa prendere provvedimenti per mantenere te e il tuo partner in buona salute:

Se il test è positivo, puoi e dovresti assumere farmaci per curare l'HIV. Prendendo il farmaco per l'HIV come prescritto, la carica virale diminuirà. Al punto in cui nessun test rileva la presenza dell'HIV, la carica virale non è rilevabile.
È la cosa migliore che puoi fare per rimanere in salute.
Avere una carica virale non rilevabile rende difficile la trasmissione del virus.
Se il tuo test è negativo, oggi più che mai esistono strumenti di prevenzione diversi dai preservativi.

La gente legge i sintomi dell'HIV e li confonde con i sintomi dell'AIDS.

E la distanza che esiste tra queste due realtà esiste anche nel calendario.

Il percorso, il corso naturale dell'evoluzione della malattia, dell'infezione da HIV e dei suoi sintomi, è molto diverso da tutto ciò che di solito si crede. Credendo questo io stesso, in un momento in cui stavo cercando la morte, mi sono lasciato ingannare e ho finito per contrarre l'HIV perché credevo che sarebbe stato questo:

"Pala e palla"! No non lo è.

I sintomi dell'HIV e i segni dell'AIDS NON SONO UGUALI! Puoi leggere parte del mio errore qui, in questa dichiarazione molto chiara in cui dico che, per me, non penso alla guarigione, dati i miei errori.


Se sei incinta e credi di avere l'HIV!

Se sei incinta, dovresti fare il test per l'HIV in modo da poter iniziare il trattamento se sei sieropositiva. Se una donna sieropositiva viene trattata per l'HIV all'inizio della gravidanza. diminuisce il rischio di trasmettere l'HIV al bambino.

Lo Stato di San Paolo è stato, in Brasile, il primo Stato a sradicare la trasmissione verticale. E Santos, la prima città del paese.Il testo continua dopo il video, ma il video è molto importante per te e il tuo bambino!

Anche l'autotest dell'HIV è un'opzione. L'autotest dell'HIV consente alle persone di fare un test dell'HIV a casa o in un altro luogo privato. Puoi comprare un kit in farmacia. Il tuo medico può dartene uno se ne hai uno. Alcuni dipartimenti sanitari o organizzazioni comunitarie forniscono anche kit gratuiti.


La psicosomatica è scienza! non pazzo

La triste sofferenza di coloro che vivono con la paura delle somatizzazioni

Non sono pazzo / pazzo! Ed è impossibile riassumere questa cosa! Ho letto così tanto sulla somatizzazione che quando mi rendo conto di un problema lo metto nella lista delle cose da notare e non è raro che sia un riassunto Tu, quelli che mi seguono più da vicino mi vedono in modo molto sbagliato . ANCHE HO PAURA! E a volte non piscio per la paura perché il bagno è molto vicino alla stanza. Tutto si può riassumere e, credo, forse anche la morte e, da qui sulla mia sedia, da paziente che legge e studia, nella smania di scrivere e guidare, mi chiedo se la catalessi, così come la narcolessia, non siano processi conseguenti di somatizzazioni. Ricordo che, da bambino, sapendo la morte di un attore, era un attore molto caro, e la sua morte è stata così travolgente che il cast ha deciso di rendere omaggio in TV, e non posso dire se fosse dal vivo e hanno anche deciso di terminare il romanzo. Più tardi, questo attore, non so perché, ha dovuto essere riesumato ed è stato trovato a faccia in giù sulla bara. Tale è la mia paura di una cosa del genere che ho deciso di essere cremato! Questa è una delle mie paure e ne ho una lunga serie. Ad esempio: quando verrò cremato mi sveglierò e assaggerò gli orrori della morte in questo modo, bruciato vivo? Questa è una delle paure più grandi, ma non mi mancano le altre, e non le verbalizzerò per non diffondere in te un'ondata di paura!

Somatizzazioni! Questo non è pazzo!

Questo è un breve testo in cui parlo delle persone che soffrono maggiormente della vita con l'HIV. Quelli che non lo hanno contratto, ma lo credono, e vivono di somatizzazioni, insistendo sul fatto che sono realtà. più avanti in questo testo, un collegamento interessante porta a un testo di uno studioso del settore. Ritornando a coloro che vengono da me per paura di esami sbagliati, vedono i sintomi della malattia nelle manifestazioni organiche più comuni della vita, in cui raramente prestiamo attenzione o notiamo, puramente e semplicemente perché crediamo che l'abbiano contratto, l'HIV. Alcuni soffrono di colpa. Altri hanno paura, anche se non sono sicuro di cosa, oltre all'HIV stesso. Altri ritengono che l'HIV sia una sorta di "punizione". E a questi, che vedono l'HIV come tale, come una punizione, chiedo: qual è la cosa più deplorevole che sia stata fatta per questa punizione? Se dici che la persona è così o arrostita e che vive nel modo sbagliato, ti invito a leggere questo testo, per vedere che il percorso stesso è spesso al di là tortuoso, stretto e buio!

Il cancro è una punizione?

Il cancro, quindi, sarebbe più una punizione? Ho qualcosa da dire al riguardo. Dieci anni fa, forse più, una persona ha cercato di prendermi un taccuino con una persona che ha fatto enormi donazioni a persone malate di cancro. Mi ha chiesto il quaderno e la persona ha detto: "L'AIDS è una malattia che si può prevenire"! E io vi dico: anche il cancro! Buoni pensieri e buone azioni possono. Si noti che l'HIV, il CANCRO e qualsiasi patologia sono strettamente collegati alle leggi di causa ed effetto. Leggi che gli spiritualisti conoscono bene e, quindi, è del tutto vero, certe cose, compreso l'HIV, non possono essere evitate!

Un freno aerodinamico

E dico questo: per me l'HIV, per me, è servito da freno di emergenza! Sono stato fuori controllo per molto tempo e sarei finito ucciso se non si fosse fatto nulla! Non potevo contare qui quante case e famiglie ho distrutto e, quindi, l'HIV è stata una benedizione per me. Questa benedizione che mi ha cambiato, infatti, mi ha aiutato a diventare quello che sono ora.

Qualcuno che piace a molte persone e, se mi conoscessero come sono, mi disprezzerebbero solo l'HIV è venuto da me con l'obiettivo di migliorarmi e, in effetti, è quello che ha fatto. Mai una punizione.

Mai, mai e mai una punizione. E ti sto dicendo questo affinché tu, che ti sei trovato con l'HIV, osservi il percorso che ti ha portato in questa stanza, dove siamo ora insieme, che ci piaccia o no.

Il quasi contratto. Il quasi, capisci, non lo permetterò


Il dottor Drauzio Varella è una persona di spicco, è stato testimone oculare dell'arrivo dell'AIDS in Brasile

Il dottor Drausio Varela è uno dei medici e delle personalità che più rispetto nell'attuale Repubblica di Bananagua!

Noto un focolaio di persone che temono la follicolite come indicatore della presenza dell'HIV nel loro flusso sanguigno. E questo si inserisce in quell'altro modo di pensare in cui la persona scopre (...) quella persona "X" può o potrebbe vivere come portatrice di HIV e ha un focolaio.

Va nella disperazione.

Follicolite e finestra immunitaria hanno una relazione non molto stretta e non dovrebbero essere la tua più grande fonte di dubbi e paure. L'HIV si manifesterebbe in altri modi, molto più potenti! Devi accettare la scienza e la medicina. Non lasciarti trasportare da tutto ciò che dicono e scrivono. Presta attenzione, ragiona, pensa e guarda la vita come è veramente!

Di seguito una breve introduzione al testo del sito web del Dott. Drioio Varela. Noto subito che il testo è più lungo, con una buona copertura e i caratteri necessari. Apprezzo la comprensione dello Staff DV, vi saluto rispettosamente, vi ringrazio per l'informazione! Si spera che possa raggiungere molte persone angosciate

Follicolite è il nome dato all'infiammazione acuta o cronica dei follicoli piliferi, una struttura complessa formata in minuscoli recessi nella pelle, dove i peli nascono e crescono.

I follicoli piliferi sono diffusi in tutto il corpo umano, ad eccezione dei palmi delle mani, delle piante dei piedi e delle aree di transizione tra la pelle e le mucose, come ad esempio le labbra.

Sebbene possa verificarsi ovunque sul corpo dove sono presenti i peli, le regioni più vulnerabili alla comparsa di lesioni sono il viso, il cuoio capelluto, le ascelle, le cosce, i glutei e gli inguini.

Condizioni infiammatorie lievi possono evolvere favorevolmente con le cure igieniche di base.

I più gravi possono portare a perdita permanente di capelli e cicatrici permanenti.

Ognuno di noi potrebbe sperimentare episodi di follicolite ad un certo punto della vita. Tuttavia, le persone di colore, asiatiche, obese o con bassa immunità hanno maggiori probabilità di sviluppare la malattia. 


La finestra immunitaria di 30 giorni è affidabile? Sì. Ma potrebbero esserci degli errori in questo. Ci sono punti cruciali da capire.

Se hai bisogno di comprendere appieno la risposta all'eterna domanda: "Una finestra immunitaria di 30 giorni è affidabile", devi considerare questi fattori come cruciali!

I moderni test dell'HIV possono rilevare la maggior parte delle infezioni entro un mese dall'esposizione.
Possono rilevare quasi tutte le infezioni in due mesi.
I test di laboratorio di quarta generazione hanno periodi di finestra più brevi rispetto ai test rapidi e agli autotest.

La finestra immunitaria da 30 a 60 giorni è affidabile? Sì, ma è necessario essere a conoscenza di una serie di dettagli e tenere presente che i test SUS e i medici sono affidabili, le marche possono variare, ma metodi, reagenti, non reattivi e, purtroppo, risultati indeterminati per i test HIV sono, in insomma, tutti uguali, con metodologie identiche. Cerca di tenere presente che sono sempre gli stessi anticorpi, specifici per lo stesso virus, che cerchiamo in questi test.

Quindi non è necessario passare da un CTA all'altro per nuovi e ripetuti test. Un dramma inutile e, diciamocelo, il paese è gestito molto, molto male quando si tratta di salute e, purtroppo6e, le risorse sono scarse e in diminuzione. Porconaro se ne frega (ira).

L'epidemia di una nuova condizione psicologica, o anche di un problema più grande, con un pericoloso background psichiatrico, ancora emergente, che mi ha mostrato molte cose. E, tra questi, l'immensa ignoranza e la completa disinformazione sull'epidemia di HIV. Ciò che mi rende sicuro che, per quanto voglia fermarmi e sentirmi esausto, non posso fermarmi con Blog Seropositive.

Intendo considerarmi così importante? Forse, ma l'idea di essere necessario e utile mi fa bene.

Anche quando sento il coltello in gola

L'altra cosa è il dogma sessuale. Siamo sempre gli stessi e viviamo come i nostri genitori, Belchior ha disegnato bene.

C'è anche una nozione pericolosa e falsa che l'HIV / AIDS, o qualsiasi altra condizione, odori di punizione.

Leggi questo:

Se fossi solo io, non mi importerebbe.
Ma io ho mia moglie, incinta, e mia figlia "nella sua pancia"!
Mi fottono!

È un pregiudizio o no? Dimmelo tu stesso! Bene, io la vedo così:

La persona che mi dice questo, pensa a me esattamente questo: che sono un mascalzone (non per scrivere quello che pensavo davvero), che merito quello che sto passando e che, sì, me ne fotto io stesso!

Questa non è una foto recente...


Quanto durano i periodi di finestra immunologica dei diversi test HIV?

È difficile dire esattamente quanto dura il periodo finestra, poiché ci sono variazioni tra gli individui ed è un argomento difficile da ricercare, le persone appena infettate dovrebbero sapere esattamente quando sono state esposte all'HIV e quindi fornire diversi campioni di sangue durante il giorni e settimane seguenti. Pertanto, se la finestra immunitaria di 30 giorni è affidabile, dipenderà sempre da altri fattori!

Tuttavia, uno studio del Dr. Kevin Delaney e colleghi ha calcolato i periodi finestra per una serie di test HIV.

Tutte queste analisi erano basate su campioni di plasma. I periodi di finestra tendono ad essere diversi giorni in più quando si testano campioni di sangue punturato dalle dita o fluido orale, come sarebbe normale quando si utilizzano test rapidi nei punti di cura e dispositivi di auto-test. Sfortunatamente, non sono stati ancora pubblicati dati precisi sulla durata dei periodi di finestra.

L'analisi dei ricercatori conferma che i test di laboratorio di quarta generazione (che rilevano sia gli anticorpi che l'antigene p24) rilevano le infezioni da HIV tra una e tre settimane prima dei più vecchi test con soli anticorpi. Inoltre, i loro dati suggeriscono che le linee guida in alcuni paesi che raccomandano un nuovo test 90 giorni dopo la possibile esposizione all'HIV sono più caute di quanto dovrebbero essere.


Un test di laboratorio di quarta generazione è raccomandato nelle linee guida del Regno Unito e degli Stati Uniti, nonché in Brasile.

Utilizza un campione di plasma o siero di sangue e può rilevare gli anticorpi dell'immunoglobulina G (IgG), gli anticorpi dell'immunoglobulina M (IgM) e l'antigene virale p24 (una proteina contenuta nel nucleo virale dell'HIV che può essere rilevata prima degli anticorpi). I test comunemente usati di questo tipo includono Abbott Architect HIV Ag/Ab, GS Combo Ag/Ab EIA e Siemens Combo HIV Ag-Ab.

Il periodo finestra medio è di 18 giorni (intervallo interquartile da 13 a 24 giorni). Ciò indica che la metà di tutte le infezioni verrebbe rilevata tra 13 e 24 giorni dopo l'esposizione.
Il 99% delle persone con infezione da HIV sarebbe rilevabile entro 44 giorni dall'esposizione.

È disponibile un test rapido di quarta generazione (Determina HIV-1/2 Ag/Ab Combo). Sebbene i risultati di questo test durante il test del plasma fossero sostanzialmente simili ai test di laboratorio equivalenti, il periodo finestra sarà probabilmente più lungo di diversi giorni quando si esegue il test del sangue con il polpastrello (sul dito), poiché il test è comunemente usato.


Fai attenzione Il periodo della finestra immunitaria è Medio e sì, la finestra immunitaria di 30 è affidabile, ma in alcuni casi può essere soggetta a errori!

Ma non le catastrofi temporali di anni e anni. questi casi possono anche esistere, ma sono rarità infinitesimali.

Sono disponibili alcuni test rapidi in loco di terza generazione. Possono rilevare sia gli anticorpi dell'immunoglobulina G (IgG) che quelli dell'immunoglobulina M (IgM). Gli esempi includono i test INSTI HIV-1 / HIV-2 e Uni-Gold Recombigen HIV. Il periodo finestra stimato per INSTI durante il test del plasma è il seguente:

Il periodo finestra medio è di 26 giorni (intervallo interquartile da 22 a 31 giorni). Ciò indica che la metà di tutte le infezioni verrebbe rilevata tra 22 e 31 giorni dopo l'esposizione.
Il 99% delle persone con infezione da HIV sarebbe rilevabile entro 50 giorni dall'esposizione.

"Un risultato negativo in un test di quarta generazione effettuato quattro settimane dopo l'esposizione è molto probabile che escluda l'infezione da HIV".

Il periodo della finestra immunologica sarà probabilmente più lungo di diversi giorni!

Tuttavia, queste stime erano basate su test al plasma. In pratica, i test vengono solitamente eseguiti sul sangue prelevato dal polpastrello e il periodo finestra sarà probabilmente di diversi giorni in più.


Tuttavia, queste stime si basavano su test al plasma. In pratica, i test vengono solitamente eseguiti su sangue pungente o fluido orale e il periodo finestra è probabile che sia più lungo di diversi giorni.

Attenzione: il 99% degli individui con infezione da HIV sarebbe rilevabile entro 57 giorni dall'esposizione.
Molti test rapidi e immediati sono descritti come seconda generazione. Possono rilevare gli anticorpi dell'immunoglobulina G (IgG), ma non gli anticorpi dell'immunoglobulina M (IgM) o l'antigene virale p24.

Poiché queste due sostanze sono rilevabili prima dell'infezione da HIV rispetto agli anticorpi IgG, i test di seconda generazione hanno periodi finestra più lunghi. Gli esempi includono OraQuick Advance Rapid HIV 1/2, Clearview HIV 1/2 STAT-PACK e SURE CHECK HIV 1/2.

Il periodo di finestra medio è di 31 giorni (intervallo interquartile da 26 a 37 giorni). Ciò indica che la metà di tutte le infezioni verrebbe rilevata tra 26 e 37 giorni dopo l'esposizione.
Il 99% delle persone con infezione da HIV sarebbe rilevabile entro 57 giorni dall'esposizione.

Tuttavia, queste stime si basavano su test al plasma. In pratica, i test vengono solitamente eseguiti su sangue pungente o fluido orale e il periodo finestra è probabile che sia più lungo di diversi giorni.


Paga molto, molta attenzione: dispositivi di autotest e finestra immunitaria

Nessun dispositivo di autotest è stato incluso in questo studio.

Tuttavia, la maggior parte degli autotest sono versioni modificate di kit di test rapidi e spot originariamente sviluppati per gli operatori sanitari. La maggior parte si basa su test di seconda generazione, quindi è probabile che abbiano periodi di finestra relativamente lunghi.

Alcuni, compresi quelli dell'autotest HIV INSTI, si basano su un test di terza generazione.

Allo stesso modo, l'autotest non è stato incluso.

Nel Regno Unito, questo di solito comporta l'invio di un campione di sangue da una puntura del dito da testare in un laboratorio con un test di anticorpi/antigeni di quarta generazione. Il plasma viene estratto dal campione mediante centrifugazione.

In teoria, il test sarà accurato tanto con il plasma prelevato da un campione di sangue prelevato dal polpastrello quanto con il sangue venoso, anche per l'infezione acuta (recente).


Finestra immunologica e testi scientifici. Questi numeri sono sempre accurati?

In alcune situazioni, questi numeri dovrebbero essere interpretati con cautela:

Quando il test viene eseguito con campioni di sangue dal dito o dal fluido orale (invece del plasma sanguigno), è probabile che i periodi finestra siano più lunghi.
Gli individui in profilassi pre-esposizione (PrEP) o profilassi post-esposizione (PEP) possono avere una risposta anticorpale ritardata, estendendo il periodo finestra.
I dati si basano su individui con HIV-1 sottotipo B (la forma di HIV più comunemente riscontrata nei paesi occidentali) ed è possibile che i test siano meno sensibili ad altri sottotipi.


Riferimenti

RiferimentiBritish Association for Sexual Health e HIV. Dichiarazione BASHH/EAGA sul periodo finestra dell'HIV, 2014.

Delaney KP et al. Tempo all'inizio della reattività del test HIV dopo l'infezione da HIV-1: implicazioni per l'interpretazione dei risultati del test e la ripetizione del test dopo l'esposizione. Malattie infettive cliniche 64: 53-59, 2017.

Delaney KP et al. Tempo dall'infezione da HIV alla diagnosi precoce per 4 test point-of-care approvati dalla FDA. Conferenza sui retrovirus e le infezioni opportunistiche, abstract 565, 2018.


Un video importante se sei incinta


Ricevi aggiornamenti direttamente sul tuo dispositivo gratuitamente

Avete qualcosa da dire? Dillo!!! Questo blog, e il mondo, è molto meglio con gli amici!

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. ACCETTO Vedi tutto

Privacy & Policy Cookie