C'è vita con l'HIV

Guarda! C'è vita con l'HIV

Nessuno con una carica virale non rilevabile ha trasmesso l'HIV nello studio!

Osserva attentamente la questione. Il ragionamento secondo cui le persone sieropositive sottoposte a trattamento non sono vettori di infezione è praticamente completo. Da ciò si possono trarre molte conclusioni. E uno di questi è che è ridicolo e infondato il pregiudizio che rende le persone con HIV (sieropositive) discriminate nel mercato del lavoro. Un'altra cosa è che se non hai ancora sostenuto l'esame, dovresti farlo il prima possibile. Perché, con questo, se sei sieropositivo, puoi iniziare il trattamento e non esporre la tua salute a malattie opportunistiche, conducendo così una vita normale. E cosa c'è di più! Non trasmetterai la malattia nel caso in cui il preservativo si rompa perché tutto questo non è una licenza per andare in giro a fare sesso senza preservativo. L'epatite C è una MST ed è più insidiosa e pericolosa dell'AIDS, sebbene in alcuni casi possa essere curata. Riflette.

Nessuno con una carica virale non rilevabile ha trasmesso l'HIV nello studio del partner

Carga Viral Indetectável

 

Il secondo più grande studio per esaminare se le persone con HIV diventano non infettive se sono in terapia antiretrovirale (ART) non ha trovato casi in cui qualcuno con un carica virale inferiore a 200 copie / ml di HIV trasmesso attraverso il sesso anale o vaginale.

L'analisi statistica ha mostrato che la trasmissione tramite il sesso anale era più probabile. E per qualcuno che veniva trattato con successo per l'HIV era dell'1% all'anno. E il 4% per il sesso anale con eiaculazione in cui il partner HIV negativo era passivo.

Tuttavia, la probabilità reale è probabilmente molto più vicina a zero di quella.

Alla domanda su cosa ci ha detto lo studio sulla possibilità di qualcuno con una carica virale non rilevabile.

Il relatore Alison Rodger ha dichiarato: "La nostra migliore stima è che sia zero".

Tuttavia io, Claudio, non mi sentirei così calmo! Avrei sempre e necessariamente bisogno del preservativo.

Riconosco persino che per me è già una “tarda modestia”.

I partecipanti avevano una carica virale non rilevabile

Carga Viral Indetectável

Lo studio HPTN 052, carica virale non rilevabile e trasmissione dell'HIV

Tenendo presente che lo studio precedente HPTN052, stabilito nel 2011 che l'efficacia della terapia antiretrovirale nel ridurre la trasmissione dell'HIV dal partner HIV positivo al partner HIV negativo era almeno del 96% nelle coppie eterosessuali, ma c'erano pochissime coppie gay nello studio per stabilire in tal modo se lo stesso valeva per loro (o al posto del sesso anale).

O Studio PARTNER è stato creato per colmare questa lacuna di conoscenza. E finora, ha reclutato 1110 coppie, in cui i partner hanno uno stato sierodivergente e circa il 40% di loro sono coppie gay. E ti ho suggerito di approfittare e aprire questo articolo in un'altra scheda: Quanto tempo ci vorrà prima che inizi a trasmettere l'HIV ad altri?

Per partecipare a questo studio, le coppie devono fare sesso senza preservativo almeno una parte del tempo.

Il partner HIV negativo non deve utilizzare la profilassi pre o post esposizione (PEP o PrEP).

E il partner sieropositivo deve essere in terapia antiretrovirale (ART), con la carica virale più recente inferiore a 200 copie / ml.

Questo studio è diverso da quello HPTN052 l'efficacia dei partner sieropositivi inizio la terapia (rispetto a partner che non avevano iniziato).

In totale, 767 coppie hanno partecipato a questa analisi ad interim di due anni e ci sono stati un totale di 894 follow-up contraccettivi.

Tra le coppie eterosessuali, lo stato di HIV è stato diviso in parti uguali.

E in metà delle coppie l'uomo aveva l'HIV e nell'altra metà la donna.

Le coppie gay stavano facendo sesso senza preservativo con una carica virale non rilevabile

Alcune coppie sono state escluse dall'analisi. Nella maggior parte dei casi, ciò era dovuto al fatto che non si erano presentati alle visite di controllo. Ma nel 16% dei casi, era perché il partner sieropositivo ha sviluppato una carica virale superiore a 200 copie / ml.

E nel 3% dei casi perché il partner sieropositivo ha assunto PEP o PrEP.

C'erano differenze significative tra coppie gay e coppie eterosessuali. All'inizio, le coppie gay facevano sesso senza preservativo per un periodo medio più breve:

1,5 anni contro 2,5 per gli uomini eterosessuali e 3,5 per le donne.

Partner eterosessuali HIV negativi con carica virale non rilevabile segnalata che hanno rapporti sessuali vaginali senza preservativo, 72% con eiaculazione

Durante il periodo di follow-up, tutti i partner eterosessuali negativi all'HIV hanno riferito di aver fatto sesso vaginale senza preservativo.

  • 72% con eiaculazione;
  • Il 70% dei partner gay sieropositivi ha riferito di aver fatto sesso anale passivo,
  • 40% con l'eiaculazione,
  • Mentre il 30% ha dichiarato di essere solo il partner attivo.

Una percentuale significativa di coppie eterosessuali ha riferito di aver avuto rapporti anali (verrà segnalato in seguito).

Quindi, il sesso senza preservativo al di fuori della relazione era molto più comune tra gli uomini gay!

Un terzo dei partner HIV-negativi lo ha riferito, contro il 3-4% degli eterosessuali.

Non c'è dubbio che a causa di ciò, le infezioni sessualmente trasmissibili (IST) erano molto più comuni nelle coppie gay.

E così, sorprendentemente, un indice con il 16% di uomini gay che sviluppano una IST (principalmente gonorrea o sifilide) durante il follow-up.

Queste cifre contro il 5% degli eterosessuali.

I risultati di rapporti sessuali non protetti con carica virale non rilevabile

 

La notizia principale è che a PARTNER finora non ci sono state trasmissioni in coppie con un partner con una carica virale non rilevabile, in quello che è stato stimato essere 16.400 occasioni di sesso tra uomini gay e 28.000 uomini eterosessuali.

Sebbene alcuni dei partner HIV negativi siano diventati positivi all'HIV (il numero esatto sarà rivelato in un'analisi successiva), i test genetici dell'HIV hanno rivelato che in tutti i casi il virus proveniva da qualcuno diverso dal partner principale.

Alison Rodger ha detto alla conferenza che se i partner sieropositivi non fossero stati trattati in questo gruppo, ci sarebbero state 50-100 trasmissioni (media: 86) nelle coppie gay e 15 trasmissioni nelle coppie eterosessuali.

Carica virale non rilevabile e nessuna trasmissione non equivale a zero possibilità di trasmissione

Nessuna trasmissione non è la stessa di zero possibilità di trasmissione. I ricercatori hanno calcolato gli intervalli di confidenza del 95% per i risultati osservati.

Ciò significa che hanno calcolato le probabilità di zero trasmissioni come il fatto "vero" e quale era il rischio massimo di trasmissione.

Dadso i risultati osservati.

Hanno stabilito che c'era una probabilità del 95% che (in una coppia in cui l'attività sessuale è nella media per il gruppo studiato) la più alta probabilità di rischio di trasmissione da un partner fosse dello 0,45% all'anno e il sesso anale dell'1% per anno.

In una conferenza stampa, il dottor Jens Lundgren, ricercatore principale per lo studio PARTNER, ha sottolineato che ciò significa che c'era una probabilità massima del 5% su un periodo di 10 anni.

Un partner su 10 di una coppia gay che ha avuto rapporti anali non protetti potrebbe contrarre l'HIV;

Allo stesso modo, era più probabile che la possibilità dei loro partner di contrarre l'HIV fosse molto vicina allo zero, e infatti potrebbe essere zero.

La massima probabilità di trasmissione di qualcuno in terapia anti-HIV al suo massimo grado era del 2% all'anno

Man mano che il gruppo studiato diventa più piccolo, maggiori diventano gli intervalli di confidenza e la certezza di un risultato diventa "vaga".

Ciò significa che la massima probabilità di trasmissione di qualcuno in terapia anti-HIV al suo massimo grado era del 2% all'anno per il sesso anale con eiaculazione.

2,5% per il sesso anale passivo

E il 4% per il sesso anale passivo con eiaculazione.

Questi ultimi dati implicano più di una possibilità su tre di infezione se il comportamento sessuale rimane invariato per più di dieci anni, ma ancora una volta, questo è uno degli scenari `` peggiori '' e la probabilità è probabilmente Di meno.

Pertanto, non si è verificata alcuna trasmissione nonostante i livelli relativamente alti di IST, specialmente nelle coppie gay.

Quando la "dichiarazione svizzera" è stata rilasciata nel 2008, si affermava che le persone con una carica virale non rilevabile non trasmettevano l'HIV.

Tuttavia, ha fatto un'eccezione nelle persone con malattie sessualmente trasmissibili: lo studio PARTNER potrebbe dirci che le IST (nei partner positivi o negativi) non aumentano la probabilità di trasmissione dell'HIV.

Cioè se il partner positivo è in ART e non rilevabile (sebbene, ovviamente, possa ancora essere trasmesso a loro).

La carica virale non rilevabile ha ridotto i rischi*

PARTNER sta reclutando coppie di uomini gay e, come notato sopra, il suo risultato completo non uscirà prima del 2017. Fino ad allora dobbiamo stare attenti a ciò che ha dimostrato e, come ha sottolineato Jen Lundgren, non sarà mai possibile dimostrare con certezza matematica che il rischio di trasmissione a qualcuno in terapia con successo contro l'HIV è assolutamente zero. Inoltre, questi risultati escludono situazioni in cui ART ha fallito il partner sieropositivo, sebbene ci siano stati pochi di questi casi.

Gus Cairns

Traduzione: Rodrigo Sgobbi Pellegrini

Una nota personale: CTRL + C CTRL + V 

Questi risultati escludono situazioni dove ART ha fallito!

* La semplice possibilità, con tutto quello che è stato detto, scritto, pubblicato ovunque, anche adesso, a distanza di anni, mi sentirei impedito, sia eticamente che moralmente, di relazionarmi con qualcuno senza preservativo solo perché non sono rilevabile da oltre dieci anni, perché il "L'ARTE potrebbe fallire"!

Ricordo ancora come mi sentivo con il risultato, il terrore, la paura, l'ignoto. Il "vecchio problema degli altri". Se chiudo l'acustica del mio Spirito al mio passato, smetto di essere chi sono. È surreale!

Dopo la pubblicazione di questo testo c'è di più da vedere questo link e consiglio di leggere

Carga Viral Indetectável
Insisto: osserva attentamente la questione. Il ragionamento secondo cui le persone sieropositive sottoposte a trattamento non sono vettori di infezione è praticamente completo. Da ciò si possono trarre molte conclusioni. E uno di questi è che è ridicolo e infondato il pregiudizio che rende le persone con HIV (sieropositive) discriminate nel mercato del lavoro. Un'altra cosa è che se non hai ancora sostenuto l'esame, dovresti farlo il prima possibile. Ma io dico: io, non rilevabile per altri dieci anni, non imporrei questo rischio a nessuno

riferimento:

Rodger A et al. Rischio di trasmissione dell'HIV attraverso il sesso senza preservativo IF HIV + partner nello studio soppressivo ART: PARTNER. 21a conferenza sui retrovirus e le infezioni opportunistiche, Boston, abstract 153LB, 2014.

 

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Parla con Claudio Souza