C'è vita con l'HIV

Guarda! C'è vita con l'HIV

Il ciclo di vita dell'HIV E l'importanza della conta dei CD4

Il ciclo di vita dell'HIV Comprendere questo ciclo di vita è un passo verso la comprensione del trattamento, l'importanza della conta dei CD4 e l'aderenza al trattamento: leggi, comprendi, se necessario, chiedici! Saremo felici di chiarire

06L'HIV è un virus. I virus sono germi microscopici che, a causa della loro incapacità di riprodursi (replicarsi), hanno bisogno di infettare una cellula che fungerà da ospite per la produzione di nuovi virus.

All'esterno della cellula, l'HIV è noto come virione ed è circondato da un involucro protettivo, che circonda anche una certa quantità di proteine ​​virali e del materiale genetico, un "piano" contenente tutte le informazioni necessarie per la creazione di nuovi virus.

I virus possono essere suddivisi in due classi: quelli il cui materiale genetico è costituito da DNA e quelli il cui materiale genetico è costituito da RNA, come l'HIV. I virus a RNA sono chiamati retrovirus e il loro processo di riproduzione è leggermente più complesso di quello dei virus composti da DNA.

Fusione
I virus spesso tendono a infettare alcune cellule negli ospiti umani, animali e vegetali. L'HIV infetta principalmente le cellule che contengono la molecola CD4 sulla loro superficie. Il CD4 si trova nelle cellule immunitarie, principalmente nelle cellule T helper che sono responsabili del funzionamento del sistema immunitario e anche nei macrofagi, cellule che viaggiano attraverso il corpo combattendo batteri e altri germi.

Per penetrare nelle cellule, l'HIV si lega al recettore CD4 attraverso la molecola gp120 che si trova sulla sua superficie. Una volta attaccato al CD4, l'HIV attiva altre proteine ​​sulla superficie della cellula umana, note come CCR5 e CXCR4, completando così la fusione.

I farmaci anti-HIV che attaccano il virus in questa fase del loro ciclo di vita sono chiamati inibitori della fusione. L'inibitore T-20 (enfuvirtude, Fuzeon), combinato con altri antiretrovirali, ha mostrato risultati positivi negli esperimenti, perché per bloccare l'HIV, T-20 si unisce al virus, mentre altri inibitori di fusione possono unirsi alle proteine ​​CCR5 o CXCR4.

Trascrizione inversa
Una volta avvenuta la fusione, la parte interna del virus, costituita da RNA e alcuni importanti enzimi, viene assorbita dalla cellula umana. Quindi, l'enzima virale chiamato trascrittasi inversa decodifica il materiale genetico dell'HIV, cioè l'RNA in DNA.

Tre classi di farmaci anti-HIV attaccano il virus in questa fase: gli analoghi nucleosidici (AZT / zidovudina, ddI / didanosina, 3TC / lamivudina, d4T / lamivudina, ddC / zalcibatina e abacavir); inibitori non nucleosidici della trascrittasi inversa (efavirenz, neviparina, delavirdina); e analoghi nucleotidici (tenofovir).

Integrazione
Il DNA virale di nuova formazione si integra con il DNA della cellula ospite umana attraverso un enzima virale chiamato integrasi, permettendo così all'HIV di "riprogrammare" la cellula umana per creare più virus. Mentre sono ancora nelle prime fasi di sviluppo, gli inibitori dell'integrasi ritardano questa fase del ciclo di vita dell'HIV.

Trascrizione
In questa fase, le due variazioni del DNA si dividono, formando una nuova variazione dell'RNA virale, noto come RNA messaggero.

Decodifica
Quindi, i mattoni delle proteine ​​che formeranno la nuova particella di HIV vengono raggruppati all'interno della cellula umana, organizzandosi decodificando le informazioni contenute nell'RNA messaggero.

Formazione virale
L'enzima virale chiamato proteasi taglia i mattoni delle proteine ​​in pezzi più piccoli, formando la struttura della nuova particella di HIV che include tutti gli enzimi e le proteine ​​necessarie per la ripetizione del processo riproduttivo. Nella sequenza, la nuova particella virale si sviluppa nella cellula umana ed entra nel flusso sanguigno, potendo così infettare altre cellule. Si stima che circa 10,3 miliardi di nuovi virioni si formino ogni giorno nelle persone che non usano HAART (terapia antiretrovirale altamente potente).

Gli inibitori della proteasi (indinavir, ritonavir, saquinavir, nelfinavir, amprenavir, lopinavir, atazanavir, tripanavir) attaccano questa fase del ciclo vitale dell'HIV.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Parla con Claudio Souza