C'è vita con l'HIV

Guarda! C'è vita con l'HIV

Lo sviluppo di "sindromi geriatriche" è stato comune ad alcune persone sieropositive 

Sì! È vero. Grazie alla Terapia Antiretrovirale, noi, persone affette da HIV o AIDS, abbiamo, finalmente, un'aspettativa praticamente pari a quella delle persone considerate * normali *. E invito tutte le persone sieropositive a gioire della vita, il dono più bello che Dio ci ha fatto e che è sempre in linea con i nostri meriti e demeriti, grazie alla nostra condizione di creature plurimillenarie. Se è venuta la malattia, è bene ragionare, perché c'è sempre uno scopo per tutto ciò che accade a noi e alle persone e alle cose che ci circondano. 'noi siamo qui, perché dovevamo essere qui' e 'Tutto è come Dio desidera sono due massime che mi hanno guidato dall'ultima volta che ho tentato il suicidio (atteggiamento irragionevole e sconsiderato) che ho commesso l'ultima volta. Brindisi alla vita. Siamo esattamente nel punto che meritiamo, dobbiamo e possiamo essere, per il fatto evidente che nessuno di noi è in grado di vivere oltre la periferia di ciò che la nostra coscienza progetta ...

Grazie ai numerosi vantaggi della potente terapia combinata anti-HIV (comunemente chiamata ART - Terapia Antiretrovirale) più persone che vivono con l'HIV in Canada e nei paesi che hanno politiche per far fronte all'epidemia di HIV / AIDS simili al Brasile vivono più a lungo. Il potere dell'ART è così profondo che i ricercatori si aspettano sempre di più che alcune persone sieropositive avranno un allungamento della vita vicino al normale.

Man mano che le persone che vivono con l'HIV entrano negli ultimi anni, saranno necessari cambiamenti nelle cure che ricevono, loro e i loro caregiver dovranno essere più attenti ai problemi dell'invecchiamento. Per la persona sieropositiva media che inizia oggi i giovani adulti e gli adulti, gli obiettivi che probabilmente includeranno un regime semplice con effetti collaterali minimi in modo che la bassa carica virale nel sangue possa essere raggiunta e mantenuta. Man mano che l'individuo invecchia, gli obiettivi possono aumentare o cambiare per includere il mantenimento, in questo modo, di una buona qualità della vita, negli ambiti della salute fisica, mentale ed emotiva. Per consentire un invecchiamento efficace, gli elementi dell'assistenza geriatrica dovranno essere incorporati nella visita medica regolare.

Sindromi geriatriche

I medici usano il termine sindromi geriatriche comuni per riferirsi a condizioni osservate nelle persone anziane che possono avere varie cause. Esempi di sintomi riscontrati nelle sindromi geriatriche sono i seguenti:

  • Cascate
  • Vertigini
  • Svenimento
  • Sensazione di fragilità
  • Incontinenza urinaria
  • Delirioun disturbo della coscienza con diverse risorse, inclusi problemi di attenzione e consapevolezza; difficoltà di memoria; problemi di percezione, come vedere o sentire cose che non sono vere (allucinazioni); non essere sicuri della propria posizione fisica (con il rischio di perdere la nozione di dove si trova la propria casa); disturbi della parola e del linguaggio. In casi di delirio uno stato mentale della persona può cambiare improvvisamente in ore o giorni. Il delirio può rendere le persone confuse e disorientate. Alcune persone possono anche diventare violente e disturbate. Il delirio non è la stessa cosa della demenza, vale a dire.

In generale, le cause sottostanti dei problemi legati alle sindromi geriatriche possono coinvolgere diversi organi e sistemi e ogni elemento del processo "chiamata sindrome geriatrica " che emerge implementa la vulnerabilità delle persone anziane a nuovi problemi di salute, legati o meno a sindromi, meritevoli quindi un'attenzione particolare con le persone sieropositive oltre i cinquanta o oltre 20 anni di ART.

Invecchiamento e HIV

Dato che le persone sieropositive con età avanzata avranno bisogno di cure adeguate alla loro età, un team di ricercatori che studia le malattie infettive e il loro rapporto con malattie dell'invecchiamento presso l'Università del Connecticut, abbiamo proposto ai medici che si prendono cura delle persone HIV positivo incorporare la "valutazione geriatrica" ​​nelle loro visite regolari. Tali valutazioni dei pazienti miravano a valutare l'incidenza dei cosiddetti "condizioni specifiche"Questo può predisporre i pazienti a una condizione di vita meno funzionale (SCI)," come le seguenti:

  • Difficoltà visive: i problemi in quest'area possono avere un impatto importante sull'aderenza ai farmaci.
  • Infezioni dell'orecchio interno e problemi di udito: i problemi in quest'area possono influire sull'equilibrio, portare a cadute e possibili fratture, inibire la capacità di comprendere le istruzioni ricevute dagli operatori sanitari, aumentare il rischio di incidenti stradali (incidenti pedonali, collisioni ...).

A San Francisco

Per queste persone, i ricercatori, che spesso non scelgono un momento o un luogo per valutare una *** semplice ipotesi ***, sono quelli che, persone che vivono con l'HIV / AIDS, devono, ogni notte, elevare il loro pensiero a Dio e chiederti di ispirarli e di benedirli; senza di loro moriremmo ancora come mosche, come ho visto, in un tempo non troppo lontano ...

Un team di ricercatori di San Francisco ha iniziato a cercare di capire gli effetti dell'invecchiamento sulle persone sieropositive. Il team ha cercato di valutare la presenza di sindromi geriatriche in persone che hanno vissuto oltre i 50 anni di età in trattamento con ART (terapia antiretrovirale) e che avevano mantenuto una carica virale bassa o non rilevabile per diversi anni.

Lo studio ha stabilito che in 155 persone analizzate sono state trovate sindromi geriatriche. I partecipanti con il maggior numero di condizioni di salute coesistenti erano a maggior rischio di sviluppare sindromi geriatriche.

Dettagli dello studio

I ricercatori hanno reclutato partecipanti da due importanti cliniche di malattie infettive a San Francisco. I partecipanti hanno completato questionari, un esame fisico e sono stati prelevati campioni di sangue. Tutti i dati sono stati analizzati insieme alla tua cartella clinica.

I ricercatori si sono concentrati sui seguenti problemi:

  • Cascate
  • Incontinenza urinaria
  • mobilità ridotta
  • Ridotta capacità di svolgere alcune attività quotidiane (comprese le faccende domestiche, come la somministrazione di farmaci, l'igiene personale, la cura dei vestiti, la manutenzione della casa su cose importanti, come la spesa al supermercato ...)
  • Problemi con l'udito e la vista
  • Depressione
  • Difficoltà a pensare con chiarezza e vuoti di memoria
  • Fragilità (vedi sotto)

Il team di ricerca ha definito "fragilità" e "pre-fragilità" durante il processo di valutazione la presenza dei seguenti sintomi:

  • Perdita di peso involontaria

  • Autovalutazione di stanchezza

  • Bassa attività fisica

  • Bassa velocità di camminata

  • Debolezza fisica (valutata dalla forza della mano prensile)

I ricercatori hanno classificato come fragili se avevano tre o più di questi sintomi e pre-fragili per coloro che avevano uno o due dei sintomi menzionati in precedenza.

I dati di 155 persone erano disponibili per l'analisi. Il profilo medio dei partecipanti è stato il seguente:

  • Età - 57 anni.
  • 94% degli uomini e 6% delle donne.
  • Durata dell'infezione da HIV superiore a 21 anni.
  • Conta dei linfociti CD4 +/- 537 cellule / mm3

risultati

Ama la vita. Nonostante i miei vari tentativi di suicidio, in cui ho portato molte persone alla disperazione e alla follia temporanea, non importa che, a causa di queste tante condizioni, fossi costretto a continuare a vivere e fare il mio lavoro, accanto a mia moglie. Accetterei incondizionatamente

In media, i partecipanti ne avevano quattro condizioni igieniche coesistenti (comorbidità). I più comuni sono i seguenti:

  • Livelli anormali di colesterolo e trigliceridi nel sangue (dislipidemia).
  • Pressione sanguigna superiore al normale (ipertensione).
  • Ferite e / o sensazioni dolorose ai nervi di mani, braccia, gambe o piedi (neuropatia periferica)

I partecipanti hanno utilizzato, in media, nove farmaci (farmaci) non direttamente correlati all'HIV come parte della loro terapia quotidiana.

Problemi complessi

I ricercatori hanno scoperto che il 54% dei partecipanti ne aveva almeno due sindromi geriatriche, come il seguente:

  • Pre-fragilità - 56%
  • Difficoltà con una o più attività della vita quotidiana - 47%
  • Vuoti di memoria e problemi e problemi cognitivi - 47%

Altri problemi includono anche i seguenti:

  • Cadute - Il 26% dei pazienti nello studio ha rivelato di aver subito almeno una caduta nell'ultimo anno; in media, ci sono state due cadute per persona all'anno. In circa il 13% dei casi è stato necessario consultare un medico.
  • Incontinenza urinaria - 25%
  • Compromissione dell'udito - 41%
  • Disabilità visiva - 50%
  • Malattie parallele: il 22% dei partecipanti aveva una depressione lieve e il 18% una depressione da moderata a grave

Possibili collegamenti

Tieni presente che lo studio era di natura osservativa e trasversale.

Cioè, i dati sono stati acquisiti in gran parte in un determinato momento ei partecipanti non sono stati reclutati a caso. Tali studi sono utili per trovare associazioni tra un potenziale fattore di rischio e l'esito (una delle potenziali sindromi geriatriche sopra menzionate), ma non possono dimostrare che una certa ipotesi di fattore di rischio si traduca in un determinato risultato specifico. Le loro conclusioni devono essere prese in considerazione con relativa cautela.

[Nota del traduttore: nonostante questo avviso e la mia personale ammissione di possibile somatizzazione, mi sono identificato con almeno 3 di questi fattori / conseguenze e ho scoperto questo testo dopo aver assaggiato alcuni sintomi - in breve, ho tradotto per me stesso ed esteso , ovviamente, a tutti coloro che mi leggono, trovano o seguono questo sito tramite motori di ricerca e / o sui vari social network]

Nello studio, i ricercatori hanno scoperto che le persone che avevano una bassa conta di CD4 erano a maggior rischio di sviluppo futuro di sindromi geriatriche. È stato anche scoperto che le persone di colore (...) erano maggiormente a rischio per queste sindromi.

[Nota del traduttore: da quando ho iniziato la mia ART, ho mantenuto (più di dieci anni) CD4 sopra 800, nella penultima analisi era intorno al 1200 e nell'ultima circa 900) e, non essendo una persona di *** di colore (arancione? zucca? verde? *** tenendo conto che nel mio libretto di nascita c'è scritto ___pardo___ e non so cosa significhi, anche perché di notte tutti i gatti sono marroni, ho gravi segni di sindrome geriatrica e , Lo confesso, questo è ciò che mi ha mosso nella ricerca di queste risposte e mi rifiuto di lasciarlo senza osservare una possibile manifestazione canadese di razzismo]

È probabile che i partecipanti che hanno riportato neuropatia periferica siano stati esposti a un gruppo di vecchi farmaci antiretrovirali - comunemente chiamati "farmaci d" - che possono (???) essere tossici per le cellule nervose.

  • DDI (didanosine, Videx) [L'ho preso per sei mesi, diciannove anni fa.]
  • D4T (stavudine, Zerit).
  • DDC (zalcitabina, Hivid).

Gli studi trasversali, come il presente, sono un buon primo passo e possono essere utilizzati per stabilire se esiste o meno un problema di salute che potrebbe richiedere ulteriori indagini, con un numero maggiore di soggetti nello studio e con un design più robusto e quindi più costoso.

Tale studio potrebbe indagare altri possibili fattori di rischio per le sindromi geriatriche. Sulla base dei risultati del presente studio, i ricercatori hanno previsto che l'inizio rapido (immediato in Brasile) dell'ART può essere un modo per ritardare o prevenire lo sviluppo di sindromi geriatriche.

Tuttavia, dati questi consigli, linee guida di trattamento e pratica clinica nei paesi ad alto reddito pro capite [Indipendentemente da ciò, il Brasile mantiene una posizione rigorosa sulla questione dell'HIV / AIDS con alcune eccezioni] ha generalmente raccomandato di iniziare l'ART precocemente nel corso dell'infezione da HIV [in Brasile è subito dopo la diagnosi e una piccola routine di analisi del sangue].

I ricercatori di San Francisco dovrebbero essere lodati per aver svolto il lavoro preliminare necessario per documentare che le sindromi geriatriche si verificano anche nelle persone sieropositive che vivono nella mezza età. Uno studio futuro dovrebbe avere un gruppo di controllo HIV Negativo e include un maggior numero di donne provenienti da contesti socioeconomici simili in modo che possano essere effettuati confronti pertinenti e significativi.

Tale studio deve esplorare una combinazione di altri possibili fattori di rischio per le sindromi geriatriche, inclusi i seguenti (come menzionato dai ricercatori):

  • Fattori psicosociali (isolamento sociale, uso di sostanze).
  • La presenza di diverse comorbidità.
  • L'onere di assumere vari farmaci per varie condizioni
  • Infiammazione cronica

Nota del traduttore. Questo testo è stato rivisto dieci volte e non ne sono sicuro. Se tu, il lettore, noti qualcosa, anche se si tratta di un semplice errore di battitura, invia un'e-mail a [email protected] e mostrami, anche se devi disegnare, l'errore in questione. Grazie in anticipo.

 

Una nota dell'Editore: so quanto sia complesso e quanta disciplina, memoria e attenzione sono necessarie per mantenere costantemente un trattamento come il nostro.

fortunatamente ho scoperto, non molto tempo fa, ma già incorporata nella mia routine, un'applicazione per Android © chiamata *** MEDISAFE ***. È, letteralmente parlando, un'infermiera (le vere infermiere non possono mai essere sostituite, lontano da me, che ho ricevuto e ricevuto da loro, quasi vent'anni fa, affetto, cura, rispetto, attenzione, amore ...) particolare, per il loro quotidiano .

Ci vuole un po 'di lavoro per configurare, perché devi alimentare l'applicazione le medicine che prendi (e puoi configurare per facilitare se il tablet è rotondo o se è lungo, come questo o cotto, verde, blu (questo va bene 😊), determinare un tempo di tolleranza per farti arrivare in ritardo, puoi inserire il dosaggio in milligrammi, cucchiai, gocce, blah, blah blah e, ​​infine, stabilire tutta la tua routine medica, compresa l'allerta per l'acquisizione (in quei casi che sentiamo sempre la frase funesta: "manca") e, per non fotterti, dillo al santo, spiega il miracolo e non mostrare la chiesa ho messo questo collegamento. Ce ne sono altri lì, ma questo mi è piaciuto molto e, onestamente, non so se esiste una versione per iPhone. Ma se puoi avere un semplice telefono (il mio gira ancora su Android © 2.2) che gira su Android © Io, che non consiglio mai nulla, ti consiglio questa app.

Queste informazioni sono state fornite da CATIE (Canada AIDS Information Exchange). Per ulteriori informazioni, contattare CATIE, 1.800.263.1638 o tramite Catie. Il credito deve apparire in qualsiasi pubblicazione online, con un collegamento all'originale.

La traduzione in portoghese brasiliano non può essere utilizzata senza la previa autorizzazione scritta dei responsabili del sito Web Soropositivo, sottoponendo l'autore della violazione alle possibili implicazioni delle leggi sui diritti di proprietà intellettuale.

Adattamento della traduzione e revisione dell'originale in inglese canadese in portoghese brasiliano (non esiste Brasile con "z" e "BraZil" è un'aberrazione idiomatica creata per persone che solo Dio sa perché lo fanno ...) dall'originale in Le sindromi geriatriche sono comuni in alcune persone sieropositive by Claudio Souza.

Non sono una "vittima" dell'AIDS. Sono una persona che vive con l'AIDS.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Parla con Claudio Souza