C'è vita con l'HIV

Ho l'HIV e ho ricevuto un vaccino contro COVID-19

Ho l'HIV e ho ricevuto il vaccino contro COVID-19 è la frase che quest'uomo, nella foto sopra. E le sue esperienze; le sue impressioni fanno parte di ciò che è scritto in questo testo, scritto da Michael Carter, nel dicembre 2020.

La foto è di Olena Yakobchuk / Shutterstock.com. 

Buona lettura.

Ho l'HIV e ho ricevuto un vaccino contro COVID-19

Sono totalmente vaccinato contro COVID-19. Non è un'affermazione straordinaria?

Dodici mesi fa, nessuno aveva sentito parlare di COVID-19. Tuttavia, eccomi qui con gli anticorpi indotti dal vaccino che forniscono un livello significativo di protezione contro un virus che ha causato così tante malattie, morti, dolore, privazione e solitudine e ha reso il 2020 un anno di tristezza per molti.

Non riesco ancora a credere di aver beneficiato di un risultato scientifico e umano che, almeno per me, equivale allo sviluppo di trattamenti efficaci contro l'HIV, il che significa che io Non sono morto di morte prematura a metà degli anni '1990 ho vent'anni, ma oggi sono vivo e vegeto.

Ho l'HIV e ho ricevuto un vaccino contro COVID-19

Queste scoperte mediche sono grazie a studi clinici meticolosamente condotti. In effetti, so di aver ricevuto due dosi del vaccino COVID-19 perché all'inizio di novembre mi sono iscritto a un sottostudio sul vaccino di Oxford / AstraZeneca specificamente progettato per valutare la sicurezza e l'efficacia del vaccino nelle persone con HIV. Tutti i partecipanti al sottostudio sull'HIV hanno ricevuto o riceveranno il vaccino. 

Ho ricevuto la mia prima dose nella seconda settimana di novembre e la seconda quattro settimane dopo.

 

Sviluppo di sperimentazioni cliniche

Gli studi clinici sono essenziali per testare la sicurezza e l'efficacia di trattamenti sperimentali e vaccini come quello che ho appena ricevuto. Dopo che una terapia promettente è stata sviluppata in un laboratorio, passa attraverso tre studi separati per garantirlo non farà alcun danno Sul serio e avrà un reale beneficio medico. Solo se approvato in tutte e tre le fasi, una nuova terapia sarà valutata da un gruppo di esperti indipendenti per valutare se è sicura ed efficace e può essere autorizzata per l'uso da parte del pubblico in generale. Il vaccino Oxford / AstraZeneca sta per essere approvato.

Fase tre. la fase finale

Quando sono entrato nella sperimentazione, lo studio di Oxford era già nella sua ultima ricerca di "fase 3" che coinvolgeva più di 20.000 adulti in Brasile, Sud Africa e Regno Unito. 

I partecipanti sono stati divisi casualmente in due gruppi uguali. I ricercatori si sono assicurati che la composizione dei gruppi fosse comparabile in termini di età, sesso, razza e condizioni di salute sottostanti. 

Un gruppo ha ricevuto il vaccino sperimentale e l'altro un placebo (una terapia fittizia, in questo caso un vaccino contro la meningite che era noto per essere molto sicuro). 

 

I tassi di effetti collaterali e COVID sono stati confrontati tra i due gruppi. All'inizio, i ricercatori hanno stabilito criteri rigorosi per garantire che il nuovo trattamento fosse effettivamente sicuro e funzionante e che non potessero essere accusati di spostare i pali della porta se lo studio ha portato alcuni risultati inaspettati o indesiderati.

Sottostudio sul vaccino COVID-1 nelle persone con HIV

Le stesse rigorose procedure applicate al sottostudio sull'HIV a cui sto partecipando. Ho notato una notizia al riguardo su aidsmap.com e ho subito chiamato la clinica che conduce lo studio. Il processo, sebbene molto amichevole e rilassato, è stato rigoroso sin dall'inizio e ha garantito l'integrità e gli elevati standard etici dello studio che stavo per firmare.

Le informazioni di base sui vaccini COVID-19 sono state testate su persone con HIV?

Un'infermiera mi ha posto alcune domande per scoprire se ero idoneo a partecipare (infezione da HIV confermata, numero di cellule CD4 superiore a 350, carica virale non rilevabile, trattamento per l'HIV). È stato quindi fissato un appuntamento per "una visita di screening presso la clinica dello studio" con uno dei ricercatori medici.

Questo è andato avanti per circa un'ora e mezza. Ho fatto un esame fisico e ho risposto a una serie apparentemente infinita di domande sulla mia salute e sulla mia storia medica per assicurarmi di essere davvero idoneo a partecipare allo studio. 

Ho l'HIV

Il medico ha quindi spiegato come ha funzionato il vaccino utilizzando una porzione disattivata e innocua del coronavirus per stimolare una risposta immunitaria. Sono stati anche spiegati i potenziali effetti collaterali: i principali sono il dolore al sito di iniezione e una sensazione di cedimento per uno o due giorni dopo l'iniezione.

Il medico ha anche fornito informazioni dettagliate sul motivo per cui lo studio è stato temporaneamente interrotto in estate dopo che un uomo che ha ricevuto il vaccino sperimentale ha sviluppato un raro disturbo nervoso. Tuttavia, un gruppo di esperti indipendenti ha concluso che ciò non era dovuto al vaccino e ha dato il via libera per continuare la sperimentazione.

È importante notare che il medico ha anche sottolineato che mentre l'emergenza sanitaria globale causata da COVID ha fatto sì che i vaccini contro COVID fossero sviluppati a una velocità vertiginosa, gli angoli non sono stati decisamente tagliati e lo studio ha incluso tutti i controlli e le salvaguardie standard quando si conducono ricerche su un nuovo trattamento medico.

Oltre a dire "ho l'HIV", devi dichiararti consapevole

Mi è stato quindi chiesto se avevo capito cosa mi era stato detto e se avevo domande e se ho dato il mio consenso a partecipare allo studio.

Dopo aver detto di sì, ho fatto degli esami del sangue per controllare la mia salute. I risultati sono tornati dopo una settimana e sono stati soddisfacenti, permettendomi di ricevere la prima dose di vaccino.

 

Oltre a un leggero dolore al sito di iniezione, non ho avuto effetti collaterali. Sono tornato tre e sette giorni dopo l'iniezione per fare esami del sangue per assicurarmi che il vaccino non avesse un impatto sulla salute dei miei reni o del fegato. Ogni giorno ricevevo un collegamento e-mail a un diario elettronico e chiedevo di registrare eventuali effetti collaterali o sintomi, non importa quanto lievi o insoliti. Non avevo niente da segnalare.

COVID-19 e coronavirus nelle persone che convivono con l'HIV

 

Nell'intervallo tra la prima e la seconda dose, sono stati pubblicati i risultati provvisori dello studio principale, a dimostrazione di ciò il vaccino era molto sicuro e riduceva il rischio di gravi malattie correlate a COVID del 70% in generale, inclusa una riduzione del 62% del rischio tra le persone che ricevevano entrambe le dosi piene, aumentando al 90% se una dose iniziale mezza viene seguita per una dose piena. Ho ricevuto un'e-mail con un riepilogo di questi risultati non appena sono stati annunciati e ho avuto l'opportunità di porre ulteriori domande alla mia prossima visita alla clinica.

 

Allo stesso tempo, sono stati pubblicati i risultati di studi su altri vaccini che mostrano un'efficacia del 95%. Sono rimasto deluso dal fatto che il vaccino che ho ricevuto avesse un tasso di efficacia apparentemente inferiore? Nemmeno per un secondo! Ad essere onesti, la sua efficacia ha superato le mie aspettative iniziali e avrei fatto domanda con entusiasmo per la sperimentazione se avessi saputo queste informazioni dall'inizio. Inoltre, il fatto che nessuna persona che ha ricevuto il vaccino Oxford / AstraZeneca che era stato infettato da COVID avesse bisogno di essere ricoverata è stato anche estremamente incoraggiante.

Sono sicuro che saranno necessari diversi vaccini per tenere sotto controllo COVID, e quello che ho ricevuto avrà sicuramente il suo posto.

Rimarrò iscritto allo studio per mesi e verrò controllato regolarmente per vedere se ho effetti collaterali e ogni settimana eseguo un autotest per vedere se ho contratto il coronavirus.

 

In tutte le fasi dello studio, ero più che soddisfatto che la ricerca fosse stata condotta secondo gli standard più elevati, che nulla fosse nascosto sugli effetti collaterali e la protezione del vaccino e che non ci fossero omissioni nel suo sviluppo.

Il vaccino contro COVID-19 è ancora in lavorazione

Sono molto commosso quando penso alla mia partecipazione allo studio e alla fortuna di essere uno dei primi a sapere che sono completamente vaccinato. Come tanti altri, il mio mondo è capovolto a causa di COVID e ho passato molte notti insonni, preoccupato per il mio lavoro. Qualche settimana fa, ho anche sperimentato in prima persona il devastante costo umano di questo orribile virus: mio padre è morto dopo aver contratto la malattia. Ciò aggiunge entusiasmo alla mia partecipazione allo studio sui vaccini e vorrei ringraziare gli scienziati, i medici e tutti i miei colleghi volontari nello studio per aver contribuito a sviluppare vaccini che possiamo essere sicuri siano sicuri e funzionanti.

 

Per quanto io soffra per la perdita di mio padre, il graduale sviluppo e distribuzione dei vaccini significa che possiamo davvero aspettarci che il 2021 sia più felice e più sano dell'anno che abbiamo appena sopportato.

 

Tradotto il 23 gennaio 2021 da Cláudio Souza dall'originale in Vivo con l'HIV e ho ricevuto il vaccino COVID, scritto da Roger Pebody nel gennaio 2021

 

Ricevi aggiornamenti direttamente sul tuo dispositivo gratuitamente

Avete qualcosa da dire? Dillo!!! Questo blog, e il mondo, è molto meglio con gli amici!

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. ACCETTO Vedi tutto

Privacy & Policy Cookie