C'è vita con l'HIV

Lunga vita e HIV / AIDS

Voglio davvero essere questo vecchio Cláudio da vecchia signora Mara

Lunga vita e HIV / AIDS ???! Sì, può sembrarti strano. È meglio rivedere il concetto. Vedi, è importante che tu osservi il mondo, poiché è sempre in movimento e cambia; devi sfidare i tuoi pregiudizi, o sicuramente ti confronteranno ad un certo punto !!!

Una volta, negli anni '90, una persona a una riunione domestica disse che il buon compleanno per le persone con HIV / AIDS (o malati di AIDS come ha detto 😤😡), dovrebbe assomigliare a questo:

Congratulazioni a te In questo caro appuntamento Auguri La la la [email protected]

Non è stato per riluttanza a non prenderlo a pugni in faccia. Ma mi ha fatto piacere invitarvi, gentilmente, a lasciare l'appartamento!

Lunga vita e AIDS. Ti sembra strano leggere qualcosa del genere?

Vida longa e HIV é possível
Foto da xaviandrew by Pixabay

Ebbene, l'aspettativa di vita delle persone con HIV è fino a novanta (90) anni. Un medico, anche lui amico, disse che a quei tempi, circa quattro o cinque anni fa, l'aspettativa di vita era di 80 anni!

AIDS! Adesso sì, senza limiti per sognare! L'aspettativa di vita delle persone che vivono con l'HIV e l'AIDS, l'AIDS o l'HIV è simile a quella di una persona "normale"!

Ieri stavo parlando con un amico, uno dei quali mi ha portato la rete e che è rimasto davvero! .

E ha fatto una testimonianza, in audio, che non ho ancora messo online puramente e semplicemente perché non mi occupo di tutto e cambio la voce, cosa che spesso è assolutamente necessaria!

E ha finito per raccontarmi un vecchio sogno e ho deciso di dare un'occhiata “lì intorno” come diceva Araci de Almeida. E non è che ho trovato qualcosa che ti farà sorridere, perché è tutta questione di tempo e, come si suol dire, il tempo è il Signore della ragione.

E così, io, che vengo dall'era non trattata e che ho visto così tanto, così tanto, che ho perso nuovi e vecchi amici, che ho perso amori immaterializzati, ho finito per vivere per leggere, tradurre e pubblicare questo testo:

Longevità, HIV e salute

Vida Longa e HIV/AIDS, Blog Soropositivo.Org Con ottime notizie in termini di easpettativa di vita di persone che vivono con l'HIV! Amico, vedrai cosa hai sognato. Ci metto tutte le fiches che ho, giro la roulette, lascia cadere la pallina e torno indietro per vedere il numero !!!!!

Le prospettive non sono mai state migliori per le persone con HIV.  Povero o no, sappiamo già tutto! L'aspettativa di vita delle persone che convivono con l'HIV e l'AIDS, l'AIDS o l'HIV è simile a quello di una "persona normale *

In effetti, uno studio recente nel Regno Unito lo ha dimostrato persone che vivono con l'HIV e che hanno una buona risposta iniziale al trattamento dell'HIV hanno un'aspettativa di vita simile a quella delle persone nella popolazione generale. 

In particolare, un uomo di 50 anni che aveva una conta delle cellule CD4 superiore a 350 e una carica virale non rilevabile un anno dopo ARTE (Terapia Antiretrovirale) contro l'HIV potrebbe vivere fino a 83 anni. Una donna di 50 anni nelle stesse circostanze avrebbe un'aspettativa di vita di 85 anni.

Anche quando la risposta iniziale al trattamento non era così buona, ad esempio ccon una conta CD4 compresa tra 200 e 350, o con una carica virale ancora rilevabile dopo un anno - le persone affette da HIV avrebbero dovuto vivere bene fino ai settant'anni.

Il recupero del sistema immunitario è una condizione Sine Qua Non

Vida Longa e HIV/AIDS, extremamente plausível
Che abbia paura di un ago o meno, la persona con l'HIV, o ciò che definiamo una persona malata di AIDS, dovrà, piaccia o no, imparare a gestirsi con gli aghi. Marcia era una persona del genere. E mi ha insegnato molto sulla vita. La verità è che ogni donna con cui sono stato per più di una settimana mi ha insegnato qualcosa.

Buon accesso a trattamento efficace contro l'HIV che riduce la carica virale a livelli non rilevabili E consente al sistema immunitario di riprendersi, è necessario per una lunga vita con l'HIV.

Le persone che iniziano il trattamento per l'HIV il prima possibile, sono in grado di mantenerlo e che frequentano regolarmente i servizi di alta qualità forniti da "SUS" probabilmente avranno un'aspettativa vita simile per la tua coppie che non hanno l'HIV.

In questa situazione, è improbabile che ti ammali o muoia come risultato diretto dell'azione dell'HIV, ma può essere influenzato da altre malattie e condizioni di salute. E ci sono alcune possibilità che possono farti ammalare o morire come conseguenza diretta dell'HIV, il virus dell'AIDS, ma puoi anche essere affetto da altre malattie o condizioni di salute più comune nelle persone che non hanno l'HIV e colpiscono le persone che vivono con l'HIV con l'avanzare dell'età, come i lipidi (grassi nel sangue), l'ipertensione e la depressione. Un certo numero di persone con HIV soffre di diabete, cancro, problemi alle ossa e altre condizioni.

 

Questo è simile alla popolazione generale. Il cosiddetto "normale"

Una vasta gamma di fattori influisce sul rischio di sviluppare queste condizioni di salute. Alcuni di loro sono cose che non puoi cambiare, come la tua età, storia familiare di alcune malattie o ha l'HIV. Puoi evitare di usare il preservativo. Ma una volta che l'hai costruito, allora lettore, lettore ...

Altri fattori di rischio sono a portata di mano per cambiare.

Puoi aspettarti di avere una vita più lunga e più sana se non fumi, sei fisicamente attivo, hai una dieta equilibrata, mantieni un peso sano, evitare il consumo eccessivo di alcol o droghe, rimani socialmente connesso e mantieni la mente attiva. Ma tieni presente che l'uso di droghe è la fine del pungiglione!

Altri problemi di salute che influiscono sulla qualità della vita delle persone con HIV

Il rischio di avere problemi di salute come malattie cardiache e cancro aumenta per tutti con l'avanzare dell'età. 

Si è vero! Il tempo passa per tutti. Ma soffre di una "sottile distorsione" quando si tratta di invecchiare con l'HIV!

Probabilmente il fulcro della tua salute cambierà man mano che i medici presteranno maggiore attenzione a un'ampia gamma di problemi di salute, oltre che all'HIV stesso. Uno dei miei amici e delle miniere mediche mi ha detto così:

L'AIDS è l'iceberg punteggiato di cose che accadono nel tuo corpo dopo che l'HIV viene a contatto con il tuo corpo!

Vida longa e HIV/AIDS
Foto da 358611 by Pixabay

Io, Cláudio, sottolineo di nuovo una "piccola cosa". Noi, quelli diagnosticati negli anni '90 e gli Highlander degli anni '80, abbiamo un fattore complicante:

Non esiste letteratura clinica / di laboratorio, una sorta di manuale di istruzioni con cui medici, medici e ricercatori e tutti gli attori seri, è necessario sottolineare quelli seri, possano seguire per curarci.

A questo punto mi manca il Sig. e An. E credo che ora sia abbastanza chiaro che il danno arrecato alla mia psiche è indelebile! ...

... Siamo noi e questi Highlander, diagnosticato anche negli anni '90, che stiamo servendo, è uno scambio, è sempre, come soggetti di ricerca, dove i medici di cui ho già accennato le qualità, dovranno andare, a poco a poco, letteralmente in MD. desideroso di tenerci in vita, in modo che gli altri soffrano di meno! 

E questa è una delle innumerevoli variabili da rispettare quando i pazienti senza riferimenti al dolore sono incapaci di empatia e si scusano per la mancanza di riferimenti

Vieni sul mio blog, molto ben referenziato! Guarda 

È un documento con quasi 20 anni di storia! Chiedete educatamente e concedo a un assistente l'accesso o qualcosa del genere, in modo che possiate vedere, tim-tim, tim-tim i riferimenti al dolore che potrei registrare.

Vida Longa e HIV/AIDS, Blog Soropositivo.Org Ci sono più di 3.000 testi! È una costellazione di storie documentare, male ma accuratamente, la perdita di oltre trenta milioni di vite e, sì, questo è imperdonabile, non rispettando queste persone e le loro famiglie! Di cosa sto parlando?

100.000.000 di persone, considerando le vittime collaterale? Chiamo tutte quelle persone vittime collaterali?

Quanti erano gli orfani?

Scusa!???

C'è stata una fase orribile in tutto questo in cui il sopravvissuto "capo della famiglia" era un bambino di sette anni o anche meno. 

Scusa?

Non sapevo di esserlo, perché ero già sieropositivo quando l'ho sentito nel suono della Plaza Car, prima che la casa si aprisse e mi sedessi per terra e piansi!

Solo un po 'di empatia, un po' di buona volontà dopo aver preso un po 'di vita….

Nessun dolore nessun guadagno…. The Damn Hell perché quello, oltre ad essere cinica mancanza di rispetto, fa male!

Vida Longa e HIV/AIDS, Blog Soropositivo.Org
Fa male per il chayote

Sai, sento quasi la voce di James Spader, impersonare Ultron scusandosi.

Carambolas !!!!!

Le condizioni di salute più comuni che colpiscono le persone che vivono con l'HIV con l'avanzare dell'età sono simili a quelle che colpiscono le persone che non hanno l'HIV. 

Sono descritti in Altri problemi di salute.

La tua salute dovrebbe includere uno screening regolare per queste condizioni. Gli aspetti più importanti della sua prevenzione e trattamento sono gli stessi delle persone che non hanno l'HIV.

HIV e il processo di invecchiamento!

Vida Longa e HIV/AIDS
Foto da Eduin Escobar by Pixabay

Molte persone chiedono se l'HIV accelera il processo di invecchiamento. In altre parole, le persone che vivono con l'HIV sperimentano un declino della funzione fisica e sviluppano condizioni legate all'età in età più giovane rispetto ai loro coetanei?

Ancora ci sono molte cose che non sappiamo su quel problema. Non c'è consenso tra gli scienziati sulla questione dell'HIV e dell '"invecchiamento precoce".

Long Life e l'HIV / AIDS sono quasi una resistenza, un rally, una prova di resistenza fisica e intellettuale

Sappiamo che le persone con HIV hanno una probabilità leggermente maggiore di sviluppare alcune condizioni di salute rispetto ad altre. Ciò include malattie cardiache, diabete, malattie renali, malattie del fegato, problemi alle ossa e alcuni tipi di cancro. 

Ma non li hanno necessariamente in età molto più giovane. 

È più vero che qualunque sia la fascia di età, le persone con HIV hanno tassi leggermente più alti di queste condizioni rispetto ad altre persone della stessa età.

Gli scienziati stanno ancora cercando di scoprire perché questo è il caso. Parte della spiegazione potrebbe essere che, sebbene l'attuale trattamento per l'HIV sia abbastanza sicuro, alcuni dei farmaci anti-HIV che alcune persone hanno assunto negli anni '1990 e all'inizio degli anni 2000 hanno avuto effetti dannosi su colesterolo, reni, fegato e ossa

"SCUSA?????" Proprio così, giallo! 

Inoltre, mentre il trattamento contro l'HIV rafforza il sistema immunitario e previene molti Malattie correlate all'HIV, potrebbe non ripristinare completamente la salute e invertire tutti i danni al sistema immunitario. Malattie gravi e gravissime vanno combattute a tutti i costi!

L'HIV può continuare a causare un'infiammazione continua e di basso livello e l'attivazione immunitaria. Queste le risposte inutili del sistema immunitario all'HIV probabilmente contribuiscono a una vasta gamma di problemi di salute.

HIV, AIDS, carica virale e condizioni di salute

Ci sono altri motivi per cui le persone con HIV hanno tassi elevati di queste condizioni di salute.

Cose che non sono direttamente collegate all'HIV possono aumentare il rischio di problemi di salute nelle persone che convivono con l'HIV. In particolare, gli stili di vita e le esperienze di vita delle persone che convivono con l'HIV spesso non sono identiche a quelle della popolazione generale. 

Ad esempio, le persone con HIV hanno maggiori probabilità di fumare e hanno livelli di stress più elevati rispetto alle altre persone, che lattina in parte spiegano il più alto tasso di malattie cardiache nelle persone con HIV.

Ciò significa che semplici confronti tra persone sieropositive e persone sieropositive possono essere fuorvianti.

Infatti, negli studi condotti con la massima attenzione, che mettono a confronto gruppi molto simili di persone sieropositive e sieropositive, le differenze di salute tra i gruppi sono molto piccole.

Inoltre, non sembra che le persone con HIV invecchino più velocemente dei loro coetanei che non hanno l'HIV.

Vida longa e HIV/AIDS
Trattamento dell'HIV come invecchia.

Gli studi dimostrano che il trattamento per l'HIV funziona bene per le persone anziane. La carica virale scende a un livello non rilevabile (l'obiettivo del trattamento) tanto rapidamente quanto nei giovani. Le persone anziane sono spesso più brave dei giovani a prendere i farmaci come prescritto. La paura, lettori, genera giudizio e diligenza!

D'altra parte, le persone che iniziano il trattamento con più di 50 anni possono sperimentare un ripristino più lento e meno completo del sistema immunitario. Conteggio delle cellule CD4 non aumenta sempre rapidamente come nei giovani adulti.

Oltre a prevenire le malattie legate all'HIV, un trattamento efficace contro l'HIV aiuta a proteggere dalle malattie cardiache, cancro, malattie renali ed epatiche. Tra le persone che vivono con l'HIV, le percentuali di queste condizioni sono inferiori nelle persone che ricevono cure rispetto a quelle che non lo fanno.

L'assunzione di cure per l'HIV è una delle cose più importanti che puoi fare per proteggere la tua salute generale.

Adattare il tuo trattamento

Se hai altri problemi di salute, oltre all'HIV, ciò può influenzare le scelte che tu e il tuo medico fate su quale combinazione di farmaci per l'HIV è giusta per te.

  1. Potrebbero esserci interazioni tra uno dei tuoi farmaci anti-HIV e un farmaco che prendi per un'altra condizione di salute. Di seguito sono disponibili ulteriori informazioni su questo.
  2. Invecchiando, il tuo corpo può cambiare. Il fegato e i reni possono funzionare in modo meno efficiente, influenzando il modo in cui il farmaco viene elaborato nel corpo. A causa della perdita di peso, della diminuzione del fluido corporeo o dell'aumento del tessuto adiposo, i farmaci possono rimanere nel corpo più a lungo e causare più effetti collaterali. Occasionalmente, il medico potrebbe dover aggiustare la dose.
  3. Alcuni specifici farmaci anti-HIV sono associati a un rischio leggermente maggiore di sviluppare alcune condizioni di salute o possono peggiorare le tue condizioni di salute. In questo caso, normalmente sarai in grado di assumere un diverso farmaco anti-HIV.
  4. Esistono app mobili che possono aiutarti a farlo.

Per questi motivi, potrebbe essere necessario adattare la scelta dei farmaci anti-HIV alla situazione specifica. Potrebbe essere necessaria una dose diversa da quella di uno dei farmaci. Ciò potrebbe significare che una singola pillola, che contiene più farmaci in quantità fisse, potrebbe non essere sempre la scelta giusta per te. Potrebbe essere necessario passare da una combinazione di farmaci a cui sei abituato.

Nel Regno Unito, gli standard per il trattamento e il trattamento dell'HIV sono stabiliti dalla British HIV Association, l'associazione professionale dei medici dell'HIV.

In Brasile, dove abbiamo un trattamento dignitoso, dignitoso ed equo, che la legge, la Costituzione ci garantisce, dovrà sempre essere così!

Precauzioni, cure e precauzioni nella vita delle persone con HIV

Le sue linee guida raccomandano ai medici di prestare attenzione quando prescrivono i seguenti farmaci anti-HIV a persone che hanno condizioni di salute specifiche o che hanno fattori di rischio per quella condizione.

  1. Depressione e altri problemi di salute mentale: efavirenz.
  2. Malattia cardiaca: abacavir, lopinavir o Maraviroc.
  3. Malattia renale: tenofovir disoproxil o atazanavir.
  4. Problemi ossei: tenofovir disoproxil.
Più farmaci e più interazioni farmacologiche!

Più condizioni di salute hai, più farmaci potresti aver bisogno. E più farmaci prendi, maggiore la possibilità di sperimentare interazioni farmacologiche ed effetti collaterali.

Un'interazione farmacologica si verifica quando un farmaco influisce sul funzionamento di un altro farmaco. Ad esempio, se presi insieme, uno dei farmaci potrebbe non essere completamente efficace o i suoi effetti collaterali potrebbero essere peggiori.

Prima di iniziare un nuovo medicinale, chiedi sempre al tuo medico o al farmacista: Il nuovo farmaco potrebbe interagire con uno degli altri farmaci che sto già assumendo?

Meticolosamente cauto e sobrio. Niente viene fatto senza una riflessione preventiva
Vida Longa e HIV/AIDS, Blog Soropositivo.Org
Foto da PollyDot by Pixabay

Devi informarli di tutto ciò che prendi: medicinali prescritti da un altro medico; farmaci da banco (inclusi inalatori e spray nasali); integratori, erbe e trattamenti alternativi; e droghe ricreative. 

Sarà più facile se porti con te un elenco aggiornato di tutti i tuoi farmaci.

L'Università di Liverpool fornisce uno strumento online per verificare le interazioni tra farmaci anti-HIV, altri farmaci e droghe ricreative. Visita www.hiv-druginteractions.org/checker o scarica l'app Liverpool HIV iChart per iPhone ou Android.

È molto utile avere una revisione annuale dei farmaci. Ciò comporta che uno dei tuoi farmacisti o medici esamini tutto ciò che prendi e controlli le interazioni e gli effetti collaterali. Verificheranno che i farmaci che stai assumendo siano ancora adatti a te.

Miti e realtà 

O L'HIV è la malattia di un giovane! (se consideri Matusalemme, a 130 anni, sono d'accordo)

Le persone contraggono l'HIV a tutte le età: nel 2016, il 19% delle persone a cui è stato diagnosticato l'HIV nel Regno Unito aveva più di 50 anni. E grazie al successo del trattamento dell'HIV nel mantenere in vita le persone, la popolazione delle persone che convivono con l'HIV poco più ogni anno. Nel 2016, il 38% delle persone che hanno ricevuto cure per l'HIV aveva più di 50 anni.

Se cambio il farmaco e non sono soddisfatto della nuova combinazione, non posso tornare indietro.

Dipende dal motivo per cui hai cambiato trattamento. Se stai cambiando perché hai resistenza ai farmaci o se il tuo trattamento non mantiene la tua carica virale a un livello non rilevabile, allora hai sicuramente bisogno di un nuovo trattamento. Non sarebbe una buona idea tornare ai farmaci originali.

Tuttavia, se stai passando a causa di effetti collaterali, avrai più opzioni. A volte le persone sono nervose all'idea di cambiare trattamento, preoccupandosi che il nuovo trattamento abbia anche effetti collaterali e possa essere più difficile conviverci. Questo è improbabile, ma se lo fa, probabilmente puoi tornare ai farmaci anti-HIV che stavi usando prima.

L'aderenza al trattamento è tutto 

Presta molta attenzione a questo! 😡😡😡

Dopo diversi anni di trattamento per l'HIV, è inevitabile che si sviluppi resistenza ai farmaci anti-HIV e si esauriscano le opzioni di trattamento. Ma se sbagli, potresti finire in un vicolo cieco con il nome di resistenza incrociata!

L'estratto sotto, che ho ritenuto importante "portare qui", parla di questa resistenza crociata nei batteri; tuttavia, tuttavia, il concetto è applicabile ai virus. E vorrei ricordare a chi lo legge che questo spiega, e spiega molto bene, i motivi per cui, ad esempio, abbiamo infezioni gonococciche, che provocano la gonorrea, che sono sempre più difficili da curare e, per chi ne ha avuto una, “Una volta”, basta non volere un problema come questo.

La formattazione del testo sarà molto diversa. Ma Long Life e l'HIV / AIDS richiedono ogni precauzione al mondo. Devi imparare ad amare te stesso!

 Resistenza incrociata corrisponde alla resistenza a tutti gli antibiotici appartenenti alla stessa classe grazie ad un unico meccanismo.
 Come abbiamo visto sopra, i farmaci assegnati alla stessa classe sono chimicamente correlati, quindi, hanno lo stesso scopo di azione nella cellula e, quindi, sono soggetti a resistenza incrociata:
I batteri resistenti a un membro della classe sono generalmente resistenti agli altri membri della stessa classe di medicinali o farmaci. 
Tuttavia, esistono gradi di resistenza crociata: più attivo è il farmaco, minore è il livello di resistenza.  In generale, i farmaci di nuova concezione sono più attivi delle vecchie molecole della stessa classe.
Ad esempio, tra i chinoloni, la ciprofloxacina è molto più attiva dell'acido nalidixico. Di conseguenza, Batteri Gram-negativi che hanno subito un evento mutazionale nel bersaglio chinolonico, le topoisomerasi di tipo II (DNA girasi e topoisomerasi IV) diventano molto più resistenti all'acido nalidixico (che ha una MIC elevata) che alla ciprofloxacina (che mantiene MIC inferiori). Questa osservazione sottolinea che un meccanismo di resistenza non ha valore assoluto. Il livello di resistenza dipende anche dal grado di suscettibilità dei batteri ospiti. 
La resistenza di un dato meccanismo sarà molto maggiore se la specie batterica non è molto sensibile. 
Ad esempio, lo stesso meccanismo P. aeruginosa, una specie naturalmente poco suscettibile agli antibiotici, che ha un livello di resistenza molto superiore a N. meningitidis, una specie squisitamente suscettibile ai farmaci. 
È importante notare che la resistenza crociata implica la selezione incrociata: l'uso di un particolare antibiotico può selezionare la resistenza ad altri membri della classe, ma non ai farmaci appartenenti ad altre classi.
Puoi prendere la stessa combinazione di farmaci per anni e anni, senza problemi. Infatti, se aderisci al trattamento e mantieni una carica virale non rilevabile, il tuo HIV non può diventare resistente ai farmaci che stai assumendo. Clicca qui per vedere, in un'altra scheda, in inglese, su un altro sito web la fonte di questo estratto di testo.
L'HIV sarà sempre il problema di salute più importante che dovrai affrontare.

Senza trattamento, l'HIV è in pericolo di vita. Ma sono disponibili trattamenti altamente efficaci, che rendono l'HIV relativamente semplice da gestire per un medico specialista. Potresti avere altre condizioni di salute che hanno un impatto maggiore sulla tua vita quotidiana o che sono più complicate da trattare. A volte potrebbe essere necessario dare la priorità ad altri problemi di salute rispetto all'HIV.

Molte persone anziane che vivono con l'HIV soffrono di demenza.

Potresti aver sentito parlare di studi che utilizzano test cognitivi per ilect sottili cambiamenti nella memoria e nei processi di pensiero. Alcuni hanno dimostrato piccole differenze tra persone HIV positive e HIV negative. Nella maggior parte dei casi, questi cali minori non sono evidenti nella vita quotidiana.

Questo non deve essere confuso con la demenza, che è una grave disabilità che interferisce con la tua vita quotidiana e la tua indipendenza. La demenza può avere diverse cause, tra cui il morbo di Alzheimer e altre condizioni che riducono il flusso sanguigno al cervello. Attualmente, la demenza associata all'HIV si osserva raramente, tranne nelle persone a cui viene diagnosticato l'HIV in una fase molto avanzata, con un numero di CD4 molto basso.

È bene che tu cerchi conoscenza Carica virale

E questo è il mio popolo! Sto incorporando in questo testo un video che, nella mia vita, mi ha solo stimolato a continuare, anche se solo con gli indicatori! Questo signore, Pedro Calabrês, è O Cara quando si tratta di Brain!


Ricevi aggiornamenti direttamente sul tuo dispositivo gratuitamente

Avete qualcosa da dire? Dillo!!! Questo blog, e il mondo, è molto meglio con gli amici!

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. ACCETTO Vedi tutto

Privacy & Policy Cookie