C'è vita con l'HIV

Sono sieropositivo! Vivo con l'HIV! E adesso? Cosa faccio?

Il dubbio, per molti, è atroce! Cosa fare, ora, "che il mio mondo è caduto" !?

Sono sieropositivo!

E ora, mio ​​Dio!

Essere diagnosticato con HIV o AIDS, è un grande shock. Questo può portarci a rivisitare molte domande sul sesso, la sessualità e il nostro benessere, che potremmo pensare di avere a che fare da molto tempo. 

Meu Deus, estou com HIV! E agora
Ma vedi, anch'io avevo paura! E davvero molto, molto, molto spaventato. Scoprire la mia sieropositività e capire che avevano trasmutato la parola sieropositività in morte, e che questa era una bugia, ha richiesto tempo, paura, e per molto tempo ho somministrato ossigeno in un sottomarino affondato nel Maryannas Fossa, con l'egida: Seropositivo. Fare clic sull'immagine, apre un'altra parte della mia vita in un'altra scheda

Questa guida è destinata a qualcuno a cui è stata diagnosticata di recente - ed è stata scritta da qualcuno che ha già percorso questo percorso, essendo stato diagnosticato l'HIV nel 2018. Tuttavia, non ho potuto fare a meno di effettuare i miei inserimenti personali, considerando la grande complicazione che è stata la mia esperienza con l'HIV, da un tempo in cui il trattamento ... beh, abbiamo fatto un follow-up, una ricerca di miglioramento combattendo altre cose, perché, per noi, non c'era ancora modo di contrarre l'HIV per il colletto, guarda in faccia lui e coprilo di pugni!

Incollando Vinícius de Moraes qui, "la capoeira è buona, non cade"!

In questo modo io e lui forniamo alcuni suggerimenti e consigli che possono aiutarti a superare quel difficile periodo iniziale con meno traumi e meno stress.

La buona notizia è dall'altra parte del muro che si profila davanti a te, al punto di partenza del tuo viaggio post-diagnostico. Sì, ci sono milioni di persone affette da HIV in tutto il mondo che vivono vite felici e appaganti. Per loro, e presto per te, l'HIV diventa un'altra parte della scena, quest'opera chiamata Vida! E, ripetitività o no, insisto:

Essere sieropositivi significa vivere in una coreografia per la vita, tu balli (combatti) per la vita

È possibile vivere ed essere felici, anche se stiamo vivendo con l'HIV, e non sarà mai più o meno importante di quello che vogliono che sia nella loro vita.

Non lasciarti ingannare. Il percorso è complicato, arduo e spesso estremamente solitario. Ma, se puoi avere un po 'di fede in Dio, riferisci, senza paura di sbagliare, che anche Dio si fida di te, altrimenti non ti darebbe questo viaggio. E se non credi in dio, pazienza! Crede ancora in te

Ecco alcuni primi passi, offerti nella speranza di portarvi dalle sfide di oggi a un futuro più sereno e felice.

Vivere con l'HIV: primi passi per vivere da sieropositivi

 

Preservare la tua salute mentale Passi dopo la diagnosi di HIV 

Scoprire di vivere con l'HIV è una diagnosi medica, ma è anche molto più di una diagnosi medica. Nel mio caso, sono quasi impazzito dalla paura!

Era il 1994 e tutto, come la vita di una persona sieropositiva, era diametralmente diverso!

Non c'era niente come "trattamento".

Essere sieropositivo significava, nel mio caso, andare settimanalmente alla clinica CRT-A, sempre in Rua Antônio Carlos.

Era sapere quanto ero peggiorato! Uno degli amici che ho fatto lì. e poi l'ho perso di vista, era l'assistente sociale Analice. Analice mi ha aiutato con le questioni sociali. Sì, ci sono molti intoppi sociali.

Ma Analice era un'assistente sociale. E un tempo in cui le persone affette da AIDS "morivano come mosche" lei mi ha aiutato a ritirare il mio fondo di garanzia, con il quale ho acquistato il mio primo computer con Windows 3.11.

Finché ho un braccio, un occhio e un cervello funzionante, anche se in modo precario

Ora che il trattamento per l'HIV funziona così bene, la più grande battaglia per qualcuno a cui è stata diagnosticata di recente è, molto probabilmente, la lotta per mantenere la salute mentale. Ecco perché questo argomento viene trattato per primo.

Voi dovrebbe affrontare immediatamente il lato medico (vedere la sezione successiva), ma, allo stesso tempo, dare la priorità ad alcuni passaggi concreti per affrontare il lato emotivo:

  1. Respirare.
  2. Dire a qualcuno.
  3. Parla con altre persone affette da HIV.
  4. Considera la terapia.
  5. Dormire.
  6. Meditare.
  7. Combatti il ​​critico interno.
  8. Mantieni il sesso positivo.
  9. Esercizio.

Vivere con l'HIV, essere sieropositivo, mantenere e preservare la propria salute mentale: 

Questo sono io! Nel tempo, convivere con o senza l'HIV ..

Spesso infelice e impaurito;

Il nome di questo è la vita. Ricorda, vivi solo un giorno alla volta e niente può farlo diversamente! Nemmeno i traditori di un tempo

Respirare. Fai un respiro profondo. Ma respira con calma, in modo uniforme. Chiunque controlli il tuo respiro controlla il tuo corpo, la tua vita, il tuo destino!

Respira e pensa: Sto bene! E starò bene!

Torna a quel concetto, ancora e ancora. Perché? Perché è vero. Avresti voluto la situazione attuale? Non è facile? No. È ragionevole essere in subbuglio? Sì.

MA: la tua prognosi medica è buona? Assolutamente! Lo supererai e starai bene? SÌ!

Fai un passo alla volta, un giorno alla volta, un'ora alla volta. Respirare. Non è necessario occuparsi di tutto in una volta. Ma fai qualche piccolo passo.

Congratulati con te stesso per aver vinto queste tappe come se stessi festeggiando un gol che hai segnato!

L'unica cosa non negoziabile è farsi curare. Anche se rispetto certe posizioni, temo certe conseguenze!

Spiegando:

Il sistema immunitario, con le sue cellule di memoria, di cui si parlava ai tempi del COVID-19, è come i soldati delle truppe d'élite con determinate specializzazioni. Vedi, abbiamo truppe specializzate in demolizioni, ma abbiamo anche squadre anti-bomba! Altrimenti, abbiamo soldati specializzati nell'uso dei bazooka, per fronteggiare alcuni veicoli corazzati, così come altri, specializzati nel combattimento “terra-aria”. Andando oltre, abbiamo quelli che si occupano di bombe incendiarie, assalti sottomarini, ecc.

Questi soldati dainviare tempo di formazione, costo del materiale di formazione, coinvolgere molti aspetti e uno dei più importanti è proprio questo:

Volta.

In questa lotta non c'è tempo da perdere e permettere un calo del conteggio dei CD4 implica correre il rischio di perdere una di queste “squadre”, truppe, gruppi specializzati, dopo essersi persi, beh, non sempre è possibile ricrearli! Come questo…

Altrimenti, puoi seguire questi passaggi gradualmente. Questo è un grande cambiamento e ti ci vorrà del tempo per integrarlo nella tua immagine di sé in modo positivo. Non avere fretta, ma incoraggia e celebra i piccoli progressi nel tuo pensiero sull'HIV.

Tieni presente che stai vivendo nel secondo decennio del XNUMX ° secolo e, si spera, questo è notevolmente migliore di questo nell'ultimo decennio del XNUMX ° secolo, anche se la vita con l'HIV non è affatto facile!

E in ogni cosa, nella nostra vita, c'è una formula naturale per la vita.

Un giorno alla volta. Come insegna Lao Tzu, un viaggio di mille miglia inizia con un semplice passo

Se puoi fare volontariato e tradurre questo testo, per il blog, grazie:

https://www.cdc.gov/hiv/basics/livingwithhiv/index.html

Ricevi aggiornamenti direttamente sul tuo dispositivo gratuitamente

Avete qualcosa da dire? Dillo!!! Questo blog, e il mondo, è molto meglio con gli amici!

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. ACCETTO Vedi tutto

Privacy & Policy Cookie
Stili di vitaViaggiModabellezza